Sorrento, Avallone: “Gara per gara centriamo i play-out”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il ds Avallone con il team manager Prete (foto Penna)

“Non possiamo farci tanti crucci nella testa, ma pensare gara dopo gara”.
Salvatore Avallone non dimentica la scoppola interna contro l’Avellino, ma propone alla squadra la sua ricetta per il proseguo della stagione.
“Tutti hanno da affrontare altre sei partite e noi dobbiamo semplicemente pensare a raggiungere i play-out”.
Il match con gli irpini. Gli strascichi ci sono. Non solo quelli arbitrali, ma anche nella testa. Le energie mentali che i costieri hanno speso in corso d’opera sono tante, ma si è già ripartiti per preparare al meglio l’importante “disfida” di Barletta.
“Siamo ancora un po’ arrabbiati per quello che è successo domenica, meriti dell’Avellino a parte, alcune decisioni fanno storcere il naso” evidenzia Avallone , che però chiarisce subito come non si voglia accendere nessuna polemica.
“Alla fine anche il lamentarsi ha prodotto effetti contrari. Quindi silenzio e lavoro per non dissipare energie nervose”.
Se di crocevia ormai non si può più parlare, il peso specifico dello spareggio in Puglia è davvero un macigno enorme da portare sulle spalle di un Sorrento che troppe volte ha palesato limiti mentali.
“Pensare? Macché. L’unica strada che abbiamo per il futuro è quella di ottenere in qualunque modo possibile i play-out. Dobbiamo essere dei banditi per centrare il nostro obiettivo”.
Ipotizza il sacco a Barletta anche perché sarebbe il viatico migliore per uscire da un periodo nerissimo sotto l’aspetto dei risultati (3 sconfitte) e rilanciarsi.
“Partiamo già in svantaggio negli scontri diretti. Vincere sarebbe l’ideale per la classifica anche perché si deve tenere a distanza la Carrarese”.
Al ritorno in campo dopo Pasqua i rossoneri saranno chiamati alla prova del nove. Pisa, Perugia, Catanzaro. Un trittico niente male anche se il peggio deve ancora venire con Frosinone e Nocerina per chiudere il sestetto.
“Sappiamo quali sono le nostre velleità di classifica e quelle delle nostre avversarie. Bisogna fare punti e basta. Pensare rende solo le cose più difficili”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!