Massa Lubrense, Attardi:”Un pizzico di fortuna e un punto in più”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Guarda al futuro del Massa Lubrense con maggiore tranquillità il responsabile dell’area tecnica, Natale Attardi.

“Per nostra fortuna c’era Stinga e la dea bendata ci ha dato anche una mano”. Commenta così a freddo il responsabile dell’area tecnica del Massa Lubrense, Natale Attardi, il pari strappato a Campagna.
“Anche in dieci abbiamo tenuto botta e giocato la nostra gara. Siamo stati un pelino più fortunati rispetto ad altre uscite, ma va bene così”.
Nell’analisi del tecnico che supervisiona a tutta l’attività calcistica dei nero azzurri non scappa il momento non troppo felice che la sua squadra stava attraversando.
“Effettivamente ci voleva il cambio di rotta. Un punto è sempre un punto – specifica Attardi -, ma stavamo scalando verso il basso troppe posizioni. Una sorta di cammino del gambero”.
Un Massa partito a razzo che nel girone di ritorno non ha mantenuto fede alle prestazioni delle prime 15 gare.
“Il nostro obiettivo era la salvezza e alla fine il grosso è stato fatto nel girone di andata – sottolinea il responsabile dell’area tecnica -. A dicembre i 28 punti erano un ottimo bottino. Se volevamo puntare a essere la migliore delle costiere dopo il Vico avremmo fatto mercato a dicembre, ma non è così”.
Insomma stringi, stringi e tutti son contenti.
“Adesso viene il bello perché ci siamo prefissati quota 40 per rendere simpatico il nostro campionato – commenta Attardi -. Poi spazio ai giovani che devono crescere e sono il futuro. In tanti si sono impegnati e hanno trovato poco spazio. Sarà il loro turno”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!