Sorrento, Papagni sbotta:”Espulsione di Konan? A volte manca anche il buon senso”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Se non c’è rigore, a volte serve anche buonsenso”. Con queste parole Papagni (foto Penna)commenta l’espulsione di Konan

Non è certo soddisfatto per il risultato maturato nel derby contro l’Avellino mister Papagni.
Lupi in pieno controllo della sfida, ma che hanno approfittato delle ingenuità dei padroni di casa.
“In quattro gare abbiamo fatto l’Ein plein. Quattro rigori e quattro espulsioni contro senza neppure ottenere un punto. Incredibile”. Sbotta il trainer pugliese.
Ha fatto del motto “c’è sempre il giorno dopo” un suo diktat, ma alla vigilia dell’importantissima sfida del Barletta il colpo subito mentalmente dal Sorrento è davvero pesante. Papagni si affida ad una nuova massima e guarda oltre.

“Chi è forte cade e sa che ha la possibilità di rialzar si subito”. Dice nell’immediato post partita l’allenatore rossonero.

Il giallo a Nocentini e l’espulsione per Di Nunzio che si presume abbia commesso i due falli da rigore mettono fuori gioco la difesa titolare in vista della trasferta contro i bianco rossi.
“Non credevo che potessimo affrontare la partita di Barletta in determinate condizioni, ma tutti sanno adesso che dovranno fare del loro meglio per ottenere il massimo da una gara particolare ed importante”.
I tifosi avevano chiesto a gran voce l’utilizzo di Konan. Il coloured è stato gettato nella mischia dal tecnico, ma è incappato in un doppio giallo.

“Che dire su Konan. Sono stato un buon profeta, ma non credevo in questo modo – spiega Papagni -. Speravo di poterlo avere a disposizione al top dopo la trasferta in Puglia, ma non per un’espulsione che ritengo eccessiva considerando la situazione potrebbe essere così, ma sarebbe stato importante che ci fosse stato”.
Sul rigore non concesso e il doppio giallo rimediato dall’attaccante ex Bellinzona il mister rossonero è chiaro.
“In Inferiorità numerica e con un contatto che tutti dicono c’è stato il rammarico non può che aumentare. A volte ci si dimentica anche il buon senso”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!