Gran fondo Carovigni: Sbaratta ci prova, ma Elettrico lo fulmina

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ci ha provato con una fuga da lontano il costiero Stefano Sbaratta

Nel primo appuntamento del “Giro della Arcobaleno” , la “Granfondo di Carovigno” a festeggiare sul traguardo è Tommaso Elettrico.
Una corsa animata sin dalle battute iniziali, ma decisa solo negli ultimi chilometri.
Dopo soli 5mila metri parte via un fuga nella quale c’è anche il costiero Stefano Sbaratta.
Gruppo multicolore e con interpreti interessanti.
Il vantaggio dei poursivants aumenta di chilometro in chilometro, ma quando alla conclusione mancano solo 30mila metri ecco che lo scenario cambia.
Sbaratta e i suoi compagni d’avventura vedono lentamente il proprio vantaggio diminuire.
Le medie elevate del gruppo guidato dalle principali squadre: Leonessa Takler, Calcagni e G.S. Piconese non vogliono concedere una resa proprio al primo appuntamento.
Testa bassa e pedalate a mille.
Picchi anche di 55 Km/h si raggiungono in corsa e l’alfiere del Team Ciclismo Sorrentino, viene risucchiato nella pancia del plotone inseguitore.
Al traguardo l’urlo del leone. Tommaso Elettrico (TEAM CALCAGNI) che non fallisce l’appuntamento col Giro dell’Arcobaleno. A causa di un problema meccanico, ad accompagnarlo all’arrivo è la BMC rossa fiammante del compagno di squadra Sergi. Qualche attimo di imbarazzo tra i cronometristi che vedono il nome di Sergi sui loro monitor. Immediatamente chiarito l’equivoco, Elettrico festeggia a modo suo la vittoria della prima GF stagionale. Alle sue spalle il suo ex-compagno di squadra Nicola Gasparre (TAKLER) e Vincenzo PROVENZANO (VELOCIRAPTOR).
Buoni i piazzamenti dei ciclisti della terra delle sirene del sodalizio del direttore sportivo Cioffi.
51mo   Martirani, 72mo Sbaratta provato dalla lunga fuga,   157mo Gaetano Iaccarino che chiude nella top five la sua categoria A5, 277mo Antonino Russo, chiude Mario Astarita 399mo al traguardo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!