Folgore Massa, Giacobelli: “Si è vinto, ma non benissimo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vuole che i suoi siano maggiormente concentrati dopo il successo con Valtesesia. Sette gare alla fine e margine sull’ultima posizione play-off che si amplia

La Folgore viaggia a pieno regime. Riesce nell’impresa di fare 13, riscatta la sconfitta dell’andata con Valtesesia e fa esultare il tecnico Giacobelli che resta molto realista sulla gara giocata dai suoi.
“Sicuramente la prestazione offerta contro il Valtelesia non è stata delle migliori, sia per i meriti della squadra avversaria, che ci ha messo in seria difficoltà sia per il fatto che avevamo in campo alcuni elementi non al massimo della condizione”.
Analisi che non fa una grinza, ma che mette in evidenza le capacità del roster massese.
“Finché si vince va bene e si è soddisfatti, ma ora dobbiamo continuare a tenere la guardia alta e a non abbassare la concentrazione – rilancia il tecnico bianco verde -. La lotta per l’accesso ai play off è ancora molto dura e ci aspettano sette finali per poter centrare l’obiettivo”.
In casa il bottino dei costieri è da primato anche se gli ospiti sono riusciti a strappare un set.
“Aver perso un set in questa gara, nel modo in cui l’abbiamo perso, ci può solo essere d’aiuto – conclude Giacobelli -. Deve spronarci a lavorare in un certo modo e ad affinare le nostre potenzialità limando alcuni difetti che ci portiamo ancora dietro”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!