Vico: 2-1 alla Libertas firmato Evacuo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vico Equense – Seconda vittoria consecutiva con identico punteggio della prima per il Vico di Ciaramella, che supera la Libertas Stabia e mette un nuovo punto importante nella corsa alla serie D. Buona la prova di tutti i nuovi seppur contro una volitiva Libertas, che si riporta sotto alla fine della gara senza più riuscire a recuperare. Pronti via, il Vico dimostra subito di volerla vincere con due occasioni di Evacuo che risulterà decisivo nel corso della gara. Si gioca sul filo dell’equilibrio e senza grandi occasioni per una ventina di minuti. Al 27′ occasionissima per Sorrentino che colpisce Evacuo da posizione interessante. , poi ci prova Tenneriello che spedisce a un metro dalla porta fuori un cross di Cirillo. Prima della fine del primo tempo ancora due possibilità per il Vico con Evacuo anticipato a un passo dal tiro e per Mansour che prova l’eurogol sfiorando il palo di destro dal limite.
Nel secondo tempo il Vico accelera e in cinque minuti concretizza la superiorità del primo tempo: Sorrentino riceve palla dalla destra, magia filtrante per Evacuo che di punta supera Munao per il vantaggio.
Il gol galvanizza la squadra di casa che sfiora ancora la rete con un bel destro di Cirillo al 13′, approfitta dell’uomo in più dopo l’espulsione di Celardo e poi raddoppia cinque minuti dopo con una autorete di Esposito che devia nella propria porta un cross di Cirillo rasoterra. Sconsolato il difensore stabiese mentre prende corpo l’ipotesi della vittoria per gli uomini di Ciaramella. Classica girandola di sostituzioni, poi un po’ di maretta in campo con l’allontanamento di allenatore e fisioterapista della Libertas.
Esordio positivo per Trezza e Teta, poi brivido finale: al 44′ punizione tirata da Chierchia che coglie impreparato Amodio e riapre per qualche minuto la gara. Il Vico rischia qualcosa ma vince la partita e rimane un punto sopra il Torrecuso.

Vico Equense Calcio – Libertas Stabia: 2 – 1

Marcatori: 5′ st Evacuo (V); 18′ st Esposito (autorete); 44′ st Chierchia (LS)
Vico Calcio: Amodio, Cirillo (43′ st Pecorelli), Spasiano, Somma A., Merenda (19′ st Trezza), Scarlato, Mansour, Somma B., Evacuo, Sorrentino (32′ st Teta), Tenneriello. All.: Andrea Ciaramella. A disp.: Cinque, Raffone, La Mura, De Simone.
Libertas Stabia: Munao, Attanasio (19′ st Schettino Giov.), Rippa, Chierchia, Villacaro, Esposito, Di Ruocco, Parmentola, Nicolella, Celardo, Mosca (19′ st Calvanico). All.Maurizio Coppola. A disp.: Schettino Giul., Schettino M., Gargiulo, Vollono, Cascone.
Arbitro: Stefano Comunian di Biella (Caso/Napolitano)
Ammoniti: Chierchia (LS); Celardo (LS); Somma A. (V); Tenneriello (V); Villacaro (LS).
Espulsi: Celardo (LS) per doppia ammonizione; l’allenatore Maurizio Coppola per proteste.
Recupero: 1′ pt; 4′ st©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!