Rigore dubbio e sconfitta. Dal Vigorito il Sorrento esce a testa alta

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

A festeggiare come un anno fa con lo stesso risultato e’ sempre il Benevento. La compagine di Carboni piazza la zampata e vince.
A fare da contraltare ai sanniti un Sorrento a tratti spregiudicato ma che presta il fianco alle sortite di D’Anna sulla destra.
La partenza lanciata dei padroni di casa e’ solo un falso allarme. Si arrovella su se stesso il Benevento che diventa macchinoso e prevedibile. Il capitano dei sanniti sforna cross imprecisi a ripetizione come marchio fabbrica e Polizzi trema poco o nulla.
Quando tutti si perdono Di Nunzio sembra essere la volta buona, ma il capitano rossonero impatta male e spedisce il pallone fuori a un metro dalla linea di porta.
Il match cambia poco. In ripartenza fanno male i costieri, ma a ergersi protagonista e’ l’assistente Prenna che pizzica più volte Marotta e Marchi in off side.
La linea regge e al’ intervallo la buriana sembra passata.
Nella ripresa le emozioni restano nella brocca del the. Il Sorrento controlla, il Benevento ci prova.
Nel giro di tre minuti (12-15) il fatto che cambia la partita.
Nocentini e Di Nunzio si fanno pizzicare fuori posizione da Marotta e Germinale. Bonomi rinviene su Marotta e lo trattiene sino a dentro l’area, fallo che comunque inizia nettamente fuori. L’arbitro si fa consigliare dal guardalinee e decide per il penalty. Freddo Germinale che spiazza Polizzi.
Tutto da fare e con un uomo in meno. I costieri si lanciano nel vuoto senza paracadute. L’assalto non parte, anzi, si rischia il cappotto.
Quando Gori salva su Corsetti e Nocentini la festa per i tifosi sanniti può iniziare.

Benevento – Sorrento 1-0
Benevento (4-3-1-2): Gori; D’Anna, Signorini, Mengoni, Anaclerio; Davi’, Rajcic, Montiel (34’st Espinal); Mancosu; Marchi (38’pt Germinale), Marotta (37’st Bonaiuto ). A disp.: Mancinelli; Rinaldi, Bolzan, Carotti. All.: Carboni
Sorrento (4-2-3-1): Polizzi; Kostadinovic, Nocentini, Di Nunzio, Bonomi; Esposito A. (37’st Musetti) Beati; Guitto, Corsetti, Tortolano (15’st Balzano); Bernardo (44’st Konan) A disp.: Frasca, Terminiello, Ferrara, Fusar Bassini. All.: Papagni.
Arbitro: Pelagatti di Arezzo (Prenna/Abruzzese)
Marcatori: 15’st Germinale (B)
Note: Spettatori . Ammoniti: Mancosu, Germinale, Rajcic. Espulsi: Bonomi. Angoli: 6-2 Rec.: 2’pt, 4’st

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!