Sant’Agnello ko, la Palmese si impone di rigore

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ancora un rigore contro la Palmese e il Sant’Agnello va ko

Che fosse difficile la trasferta in quel di Palma Campania il Sant’Agnello lo sapeva bene, ma la compagine di mister Guarracino mostra comunque dei passi in avanti al cospetto del blasonato avversario.
Chi si aspettava la goleada resta a bocca asciutta perché è solo un rigore di Befi a 7 minuti dallo scadere del primo tempo a sancire il successo dei rossoneri.
Partita aperta con i costieri ad agire di ripartenza una volta bloccate le fonti del gioco della Palmese.
Napoletani che mettono paura agli ospiti già al 7’, quando, da angolo, il pallone staziona in area piccola senza trovare la deviazione vincente.
Due minuti dopo, però, è il Sant’Agnello a mangiarsi le mani, quando su uno svarione difensivo Fiorentino resta a tu per tu con il giovanissimo Fantasia (‘95). Il bomber delle grandi occasioni questa volta fallisce l’appuntamento con la rete grazie anche alla prontezza del giovane estremo difensore rossonero.
Al 12’ è Uliano a doversi superare, deviando in angolo una bella punizione di Manco.
Il ritmo cala e sembra che il Sant’Agnello abbia buon gioco nell’addormentare il match.
La svolta – Al 38’ Sessa commette fallo su Befi in piena area; il signor Cardone decreta il rigore lo stesso Befi trasforma nell’1-0, con il quale le due squadre vanno al riposo.
Guarracino nell’intervallo sprona i suoi ragazzi a rischiare. Mette dentro il neo acquisto Ferraro per Sessa e rischia, ma i padroni di casa ci mettono tanta esperienza e gestiscono il vantaggio.
Gli ospiti però vanno comunque ad un soffio dall’1-1, quando, da azione d’angolo, Di Donna prende il tempo a tutti e di testa colpisce la traversa.
Il forcing finale da parte del Sant’Agnello produce mischie a gogo, ma nessun pericolo per Fantasia.

Palmese – Sant’Agnello 1-0

Palmese: Fantasia 6, D’Auria 6.5, Moccia 6 (27’st Di Luccio 6), Carfagno 6.5, Angieri 6, La Marca 6.5, Visone 6.5, Logoluso 6, Befi 6.5, Manco 6 (28’st Piccirillo sv), Palmieri 6.5. All. Mazziotti 6.5.
Sant’Agnello: Uliano 6, Cappiello 6, Architravo 6.5, Inserra sv (11’pt Macarone 6), Sessa 6 (1’st Ferraro 6.5) , Di Donna 6, Gargiulo 6.5, Serrapica 6, Fiorentino 6, Palomba 6 (35’st Longobardi sv) Scippa 6. All. Guarracino 6.
Arbitro: Cardone di Agropoli 6.
Rete: 38’pt rig. Befi.
Note: Spettatori 500 circa. Rec.: 1’pt, 3’st. Ammoniti Sessa, Ferraro e Di Luccio.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!