Massa Lubrense, Cappiello:”Chiudiamo a 40 punti”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Rilancia Cappiello (foto Pollio) che vuole chiudere a quota 40 in classifica con il suo Massa

“Disattenzioni e sfortuna”. Antonio Cappiello commenta così la sconfitta nel derby contro il Vico Equense. Un match che i nero azzurri hanno cercato di fare proprio, ma nel quale i soliti errori hanno visto soccombere il Massa Lubrense.
“Qualche cosa di buono abbiamo fatto, ma siamo stati puniti ancora una volta dai nostri errori”. Fa autocritica il centrocampista massese che però ha il rammarico del mancato pari in chiusura di prima frazione.
“Un vero peccato aver sfiorato il pari così – sottolinea  Cappiello -. Pareggiarla subito avrebbe cambiato l’andamento della partita”.
Con un grande girone di andata il Massa ha quasi ipotecato la salvezza. Adesso si fa dura per il proseguo della stagione anche perché iniziano ad essere tante le scoppole e calano le motivazioni.
“Obiettivo quota 40″, rilancia la mente della mediana massese, “Non possiamo buttare un girone di andata fatto con grandi ritmi con un ritorno pessimo”.
Il Real Trentinara è pronto a fare un sol boccone dei costieri.
“Li ho visti a Vico, ma non mi hanno impressionato – conclude Cappiello -. Hanno una difesa accorta e sanno far male in contropiede, ma saremo al completo e punteremo a fargli una sorpresa”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!