Eccellenza girone B: Il punto dell’esperto Guglielmo Ricciardi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il direttore sportivo della Sarnese, Guglielmo Ricciardi, fa le carte al gruppo B di Eccellenza

“Percentuali cambiate per la lotta al vertice? Non saprei che dire”.
Non si sbilancia Guglielmo Ricciardi ex responsabile del settore giovanile del Sorrento calcio, adesso alla Sarnese.
“Tante cose sono state condizionate da situazioni extracalcistiche, ma alla fine solo una tra Torrecuso e Vico Equense potrà perdere questo campionato”.
Il vantaggio abissale che le due compagini di testa hanno sulle rispettive inseguitrici rende anche improbabile i play-off anche se il Real Trentinara c’è.
“Sono la compagine che mi ha sorpreso di più alla fine anche perché stanno tenendo botta bene” spiega Ricciardi, che va a fondo anche alla vicenda dei play-out.
“Sarà importante vedere i distacchi che ci saranno per capire se verranno fatti i play-out. Tutto resta un grosso punto interrogativo. L’unica cosa è che l’altra squadra di Angri ha delle grosse difficoltà e potrebbe essere difficile rientrare sulla penultima”.
Il focus sulle costiere evidenzia l’ottimo lavoro svolto dal Sant’Agnello.
“Guarracino con un budget risicato, senza pubblico e tanti giovani sta compiendo una grande impresa – sottolinea il dirigente della Sarnese -. Fatta? Ancora no, ma manca poco”.
Una delle squadre che per individualità poteva dire qualche cosa di più dell’attuale posizione in classifica è il Massa Lubrense.
“La compagine di Gargiulo  poteva fare meglio, ma è stata fermata dagli infortuni. Peccato – conclude Ricciardi -. La certezza che Massa e Sant’Agnello abbiano quasi centrato l’obiettivo prefissato deve essere motivo d’orgoglio per tutta la costiera”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!