Gimel, vittoria in rimonta: il commento di Marciano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il commento di Marciano sulla vittoria della Gimel a Portici

Massalubrense – L’aveva detto il tecnico Aversa che la sfida con la Elmec Portici sarebbe stata decisiva per la definitiva tranquillità della squadra santagatese e infatti è arrivata una vittoria importantissima, seppur con un sofferto 2-3 e con una bella rimonta, che lancia l’onda biancoblu all’ottavo posto in classifica con 21 punti. A commentare la seconda vittoria in trasferta in campionato è Grazia Marciano, uno dei talenti più giovani della squadra: «Purtroppo i primi due set non siamo riuscite a fare niente e hanno parlato i risultati, siamo entrate un po’ distratte in campo, non siamo abituate a giocare nel primo pomeriggio e non eravamo per niente concentrate. Ma non è mai troppo tardi per tirarsi su e vincere la partita». Portici avanti per i primi due set non ha lasciato il tempo di organizzarsi alle gimelline, che a partire dal terzo set sono entrate in campo con un piglio completamente diverso: «Fortunatamente ci siamo svegliate al terzo set dove i nostri errori sono diminuiti, migliorando le battute e firmando soprattutto diversi aces e facendo molti punti di seguito non abbiamo dato il tempo alle avversarie di riscattarsi».  Non è stato facile per la Gimel rimontare ma la maggiore qualità e la voglia di chiudere positivamente la partita, nonostante l’espulsione discutibile del tecnico Aversa, per dare continuità alla vittoria con Roccarainola hanno fatto la differenza: «Loro avevano dato per scontata la vittoria. Tra il quarto e il quinto set la tensione è aumentata per entrambe le squadre purtroppo anche l’arbitro ha fatto i suoi errori Nel quinto set siamo andate sotto 6-2 ed è arrivato un ingiusto cartellino rosso al nostro allenatore, costretto a sedersi sugli spalti. Con l’aiuto del secondo fortunatamente la nostra tensione è riuscita a darci la giusta grinta per recuperare e vincere il tie break. Ci abbiamo creduto fino alla fine, era una partita da vincere e ci siamo riuscite. E’ bastata la concentrazione, un po’ di precisione in più e la voglia di vincere e abbiamo conquistato un’altra importante vittoria».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!