La Polisportiva centra gli obiettivi: le dichiarazioni di coach Falbo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il commento del tecnico Falbo dopo la vittoria contro Bari

Sorrento – La partita con la Pink Bari, vinta in rimonta con una ottima prestazione nel terzo e nel quarto parziale, conferma la Polisportiva Sorrento nella serie A3 alla prima partecipazione e proietta la squadra ai playoff con tre giornate di anticipo. Un girone di ritorno altalenante che sta per concludersi nel migliore dei modi per la squadra di coach Falbo dopo qualche tribolazione di troppo. Il tecnico commenta così la partita con le pugliesi: «Obiettivo centrato! A tre giornate dalla fine della stagione regolare abbiamo raggiunto la matematica certezza di restare in A3 e di partecipare ai play-off. Si è trattato di una partita dai due volti come altre con momenti super e momenti di abulia e imprecisione. Con Bari però le ragazze hanno dimostrato il carattere che a me piace, una reazione sontuosa e se non hai qualità non puoi reagire in quel modo».
Un avvio di gara da panico, con le baresi pronte a fio»ndarsi sul +14 grazie a percentuali altissime da tre, senza alcuna reazione da parte delle sorrentine. Poi la svolta, la risalita, la rimonta e la vittoria sulla sirena. Una gara che ha esemplificato il campionato dai due volti della Polisportiva: « Un campionato non facile, nessuna partita è stata facile. Lo abbiamo cominciato alla grande e poi complice qualche infortunio e qualche episodio non fortunato piano piano abbiamo perso sicurezza e tranquillità. Qualche risultato inatteso e due partite perse per un inezia ed ecco che tutto è diventato difficile e complicato. L’equilibrio che regna tra le squadre ha fatto il resto. Ora siamo a braccetto con lo Stabia, che era alla vigilia una delle squadre più accreditate alla promozione, pronte a partecipare ai play off e da questo momento può capitare di tutto. Spero che la serenità e la tranquillità possano permetterci di esprimerci al meglio».
Falbo conclude con un appello affinchè la società possa continuare a fare sport a livelli così alti e  con risultati così positivi: «La mia soddisfazione credo sia anche quella di Giovanna Russo, che come sempre si è impegnata al massimo per mantenere in vita questo progetto a fronte di tante difficoltà, soprattutto economiche che hanno messo in discussione tutto. Il momento delicato che la nostra economia sta vivendo si è manifestato in modo chiaro anche nella nostra gestione, ormai fare sport è un lusso ed un campionato come l’A3 ha costi elevati. Purtroppo anche il nostro sponsor ha avuto difficoltà e siamo ancora in vita solo per l’abnegazione di pochi. Spero che presto qualcuno possa darci una mano altrimenti saremo costretti, come tante altre realtà, di chiudere pur avendo cercato in tutti i modi di continuare e centrare gli obiettivi prefissi».

©Riproduzione Riservata  

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!