Sant’Agnello e Cicciano non si fanno male

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Uliano, portiere del Sant’Agnello, con i suoi interventi nel finale è stato fondamentale nello 0-0 finale

Un punto a testa e tutti contenti. Sant’Agnello e Cicciano si accontentano di ripartire la posta in palio, mettendo un altro piccolo mattoncino alla costruzione della salvezza.

Lo scialbo 0-0 maturato allo stadio “Italia” di Sorrento è figlio innanzitutto della voglia di entrambe le squadre di non perdere, mantenendo così la posizione di relativa tranquillità che occupano in classifica: entrambe nella pancia del raggruppamento, con un soddisfacente vantaggio sulla zona rossa, Sant’Agnello e Cicciano danno vita, sin dalle prime battute, ad una partita accorta dove ad esaltarsi sono i rispettivi pacchetti arretrati, sempre ben attenti a contenere gli sterili affondi degli avanti avversari.

Il 4-5-1 con cui mister Antonio Guarracino schiera in campo i suoi ragazzi punta sulle ripartenze, affidate alla velocità dell’unica punta Fiorentino ed alla verve di Macarone e Cioffi sugli esterni. In casa Cicciano, invece, il 4-4-1-1 del tecnico Galluccio ha nell’ex Vico, Di Benedetto, il terminale principe, con Cavezza ad agire alle sue spalle.

La prima azione dell’incontro è di marca santanellese: Serrapica dalla trequarti pesca l’inserimento centrale di Macarone, il cui colpo di testa, troppo debole, è facile preda di Spirito. Ancora il Sant’Agnello ci prova al 27’, ma il destro di Fiorentino, pescato al centro da un traversone dalla destra di Inserra, è smorzato dall’attenta retroguardia ospite.

Gli spunti di cronaca sono merce rara: la partita scorre via su un robusto equilibrio tra le due compagini, col Cicciano che, senza difficoltà, difende con equilibrio sulle poche accelerazioni del Sant’Agnello. Nel finale della prima frazione la partita si accende: gli ospiti prendono in mano il pallino del gioco ed al 32’ si rendono pericolosi con una bella voleè di Cavezza che di sinistro incrocia di poco alto sul palo lungo. Cinque minuti dopo ancora Cavezza manca di un soffio l’appuntamento col gol: l’attaccante napoletano arriva con un attimo di ritardo sull’ottimo traversone dalla sinistra di Salemme e il suo tap-in si perde sul fondo.

Nella ripresa il copione non cambia. A scuotere dal torpore l’annoiato pubblico di casa ci pensa Inserra che al 5’, sugli sviluppi di un fallo laterale, dal limite dell’area piccola spedisce il pallone dritto sulla traversa: conclusione infelice quella del centrocampista carottese che, con una miglior mira, avrebbe potuto imprimere una svolta al match. Svolta che non arriva neanche nei minuti seguenti. Anzi, col trascorrere del tempo, il Sant’Agnello arretra paurosamente il suo baricentro, offrendo il fianco al Cicciano. Così al 22’ ci vuole un super Uliano che di piede respinge una botta da distanza ravvicinata di Apicella.

Gli uomini di Galluccio sentono odore di vittoria e schiacciano i padroni di casa nella propria tre-quarti: al 31’ ancora Iuliano è chiamato agli straordinari su un colpo di testa di Apicella, deviato in angolo dall’attento portiere santanellese. Al 35’ ancora Cicciano: Salemme dalla distanza mette i brividi con un tiro dalla distanza che si spegne di un metro a lato della porta di Uliano.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il forcing degli ospiti è premiato a cinque minuti dalla fine dei tempi regolamentari: ancora un ottimo Salemme imbecca dalla trequarti Di Benedetto che di destro batte Uliano in uscita. L’urlo di gioia dell’attaccante ex Vico viene però ricacciato in gola dalla segnalazione del secondo assistente, che segnala una dubbia posizione di off-side che di fatto contribuisce a placare gli animi di vittoria degli ospiti, regalando alle due squadre un pari giusto e soprattutto soddisfacente in chiave classifica.

SANT’AGNELLO – CICCIANO 0-0

SANT’AGNELLO (4-5-1): Uliano; Gargiulo, Di Donna, Cappiello, Architravo; Macarone (dal 12′ s.t. Ferraro P.), Inserra (dal 26′ s.t. Orsini) Serrapica, Scippa, Cioffi (dal 17′ s.t. Ferraro R.); Fiorentino. A disp: Castaldo, Longobardi, Sessa, Esposito. All: Guarracino.

CICCIANO (4-4-1-1): Spirito; Albertini, Squitieri, Biancardi, Martiniello; Salemme (dal 42′ s.t. Barbati), Di Meo, Marano, Dell’Anno (dal 6′ s.t. Apicella); Cavezza (dal 21′ s.t. Marigliano); Di Benedetto. A disp: Gaglione, Visone, Rella, Lippiello. All: Galluccio.

Arbitro: Zollo di Benevento

Note: ammoniti: Gargiulo (S), Fiorentino (S), Ferraro P. (S), Di Meo (C) calci d’angolo 2-3 recuperi 1′ primo tempo, 3′ secondo tempo. Presenti circa 150 spettatori

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!