Sant’Agnello – Cicciano 0-0, le pagelle: Serrapica predica nel deserto

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Giovanni Serrapica

ULIANO 6: Nel primo tempo è praticamente inoperoso. La pagnotta, però, se la guadagna nella ripresa con i due interventi decisi su Apicella nel finale di partita.

GARGIULO 6: Partita sufficiente la sua: praticamente mai in affanno in copertura, prova anche a spingersi in avanti quando ha campo davanti a sé.

DI DONNA 6: Gli tocca un cliente scomodo come Di Benedetto, ma con le buone e anche con le cattive ne limita sensibilmente il raggio d’azione.

CAPPIELLO 6: Con calma olimpica va a chiudere con abilità le poche sortite offensive ospiti. Nel finale perde d’occhio Di Benedetto, ma per sua fortuna l’assistente di Zollo annulla la realizzazione dell’ex Vico per off-side.

ARCHITRAVO 6: In fase d’impostazione va spesso in difficoltà, ma come il resto dei compagni di reparto è fondamentale nell’ergere il muro davanti a Uliano.

MACARONE 5,5: Si accende troppa ad intermittenza. Ed anche quando lo fa, le sue proverbiali folate, a parte un cross per Fiorentino nella prima frazione, non producono nulla di buono (dal 12’ FERRARO P. 5,5: E’ all’esordio. Infatti la tenuta atletica e l’intesa con i compagni non sono delle migliori. Ma la sua intelligenza tattica e le enormi potenzialità tecniche che possiede si riveleranno sicuramente utili in futuro).

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

INSERRA 5: E’ lui l’incaricato di supportare Fiorentino nelle azioni offensive, ma non riesce mai a trovare spazio tra le linee. In avvio di secondo tempo ha sul destro il match-point, che spreca centrando in pieno la traversa (dal 26’ s.t. ORSINI 5,5: Entra quando il Cicciano comincia il forcing e rimane inghiottito nella palude tra centrocampo e difesa).

SERRAPICA 6: Gioca semplice e lineare, senza sbagliare praticamente nulla e risultando anche fondamentale nel lavoro di schermo davanti la retroguardia. Peccato però che i compagni di reparto e gli attaccanti non siano ispirati come lui.

SCIPPA 5: Nel ruolo di interno sinistro sembra a disagio, infatti non si fa mai vedere in appoggio a Fiorentino. Inoltre, anche in fase di possesso, è troppo lento e compassato, risultando quasi un peso per la squadra. Va un po’ meglio da esterno, ma nel finale sciupa un ottimo contropiede con una conclusione di destro assolutamente da dimenticare.

CIOFFI 5: Mai un affondo, mai un dribbling: in fase d’attacco il suo apporto è praticamente nullo (dal 17’ s.t. FERRARO R. 5,5: Parte bene, quasi volesse spaccare il mondo. Poi si perde, senza riuscire mai ad incidere).

FIORENTINO 5: Gira a vuoto per tutta la partita, beccandosi i continui richiami di mister Guarracino. Stretto tra Biancardi e Squitieri, non trova mai il corridoio giusto per partire con la sua velocità.

ALL.GUARRACINO 6: “Another brick in the wall”. Nonostante la partita dei suoi non rientrerà sicuramente tra quelle più belle ed esaltanti della stagione, l’importante è aver portato a casa un altro fondamentale punto in chiave salvezza.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!