Vico Equense: La crono storia della crisi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

A pochi giorni dal derby contro il Massa Lubrense cerchiamo di fare chiarezza in questi 15 giorni di fuoco che hanno visto protagonista il Vico Equense.

19 febbraio – La squadra del Vico non si allena lamentando una complicata situazione rimborsi.

21  febbraio mattina – Su alcuni media scoppia il caso “Vico”.

21  febbraio  sera – Il presidente D’Auria affida ad un comunicato la sua versione dei fatti smentendo i problemi societari.

23  febbraio sera – Il capitano Aniello Vitiello rilascia un comunicato distensivo a Sportinpenisola.com

24  febbraio mattina – Gara campionato con il Trentinara. I cancelli del Massaquano rimangono chiusi per gli over della rosa e mister Sorianiello, che assistono alla partita dalla tribuna. In campo la Juniores.

25  febbraio – La società rilascia un comunicato stampa in cui comunica l’esonero del tecnico Sorianiello e le percentuali dei rimborsi già corrisposti agli atleti.

26  febbraio – Andrea Ciaramella dirige il primo allenamento, ma non risultano comunicati ufficiali di un suo approdo sulla panchina azzurro oro.

28 febbraio – Si risana la frattura in seno alla compagine costiera. Il gruppo torna ad allenarsi reintegrato in rosa, ma restano fuori Noviello e Caiazza, oltre all’allenatore Sorianiello precedentemente esonerato.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!