Eccellenza: La parola all’esperto Alfonso Cerrato

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Soltanto il Vico Equense può perdere il primo posto, ha il campionato in pugno, difficilmente rallenterà, il traguardo è ad un passo”.
Commenta così il momento al vertice del girone B di Eccellenza il direttore sportivo dell’Episcopio, Alfonso Cerrato.
Il dirigente salernitano sebbene sia alla guida di una compagine di Prima Categoria vanta anni di esperienza nella massima rassegna regionale. In Eccellenza nel 2005/06 ha vinto anche la Coppa Italia con l’Ippogrifo Sarno. Nella corsa salvezza il dirigente focalizza l’attenzione sulla Vis San Giorgio.
“Tutta da giocare, ma vedo la Vis San Giorgio che potrebbe tirarsi fuori ai danni del Sant’Agnello”. Chiama in causa la compagine del presidente Negri, attualmente, fuori dalla zona pericolo. Il perché è presto detto.
“I salernitani hanno gare sulla carta facili e con squadre che non hanno più nulla da chiedere”. Questa l’analisi di Cerrato che nella corsa ai play-off il Torrecuso salterà la fase degli spareggi del girone.
“Il Torrecuso aumenterà il distacco sulla terza e gli spareggi non si giocheranno – spiega il ds salernitano -. Palmese, Città di Angri e Real Trentinara hanno dimostrato di non tenere il passo dei sanniti”.
Sul posizionamento delle compagini costiere il giudizio di Cerrato è lusinghiero.
“Il Massa Lubrense si è salvato in anticipo con i punti raccolti nel girone di andata. Il gruppo è giovane e di qualità quello della squadra massese – conclude il ds dell’Episcopio -. Il Sant’Agnello è in piena bagarre per evitare i play-out. L’attuale posizione dei bianco azzurri è già un risultato importante, ma la squadra di Guarracino dovrà lottare ancora per ottenere la salvezza diretta”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!