Sorrento calcio, Papagni:”Con una vittoria cambierebbero tante cose”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sa bene l’importanza della gara contro la sua ex Andria, mister Papagni (foto Pollio)

Sarà una partita del cuore quella tra il Sorrento e l’Andria per mister Aldo Papagni, che nella cittadina pugliese ha lasciato un pezzo di cuore.
“Sono molto legato all’ambiente andriese – spiega l’allenatore dei costieri -. Se non sbaglio sono l’allenatore con il maggior numero di presenze nei pro con la società bianco blu”.
Un tuffo nel passato, ma un ritorno al futuro prossimo che attende i rossoneri questo pomeriggio all’Italia per Papagni che sprona i suoi a ottenere i tre punti.
“Non vince chi fa proclami, ma chi quotidianamente mette le basi per farlo”. Una frase dai mille significati quella che il trainer rilascia alla stampa.
“C’è voglia di dare continuità ai risultati  e vincere di certo sarebbe importante sotto tanti punti di vista”. È proprio il termine vincere che il mister usa con il contagocce, quasi nascosto in modo scaramantico anche se consapevole che i tre punti aprirebbero nuovi scenari nella corsa salvezza.
“Sino alla fine non ci sarà una gara meno importante delle altre”, evidenzia Papagni che aggiunge “Non bisogna essere ipocriti con una vittoria cambierebbero tante cose”.
Un pensiero lasciato lì alla stampa, ma che tutto il roster sa bene perché alla fine a parlare sono i numeri.
Nel corso dell’anno prima della chiamata del Sorrento, l’allenatore pugliese ha visionato più volte i prossimi avversari dei rossoneri e sa che, rispetto all’andata,  la gara varrà qualche cosa in più.
“Sarà tutta un’altra storia e a noi toccherà aumentare il livello del nostro gioco e dell’aspetto tecnico-tattico rispetto alle ultime apparizioni”.
La formazione non dovrebbe discostarsi molto da quella che è scesa in campo contro il Prato. Anche Musetti come chiarisce il mister è arruolabile.
“Si è allenato gli ultimi due giorni e ha recuperato bene”, quando gli si chiede di Konan e di un suo possibile esordio Papagni conclude in modo chiaro.
“Sarà nei 18, ma ha pochi minuti nelle gambe. Vedremo”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!