Sorrento – Andria 0-0, le pagelle: Guitto volitivo, Nocentini nervoso anche con il pubblico

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Roberto Guitto (foto Penna)

ROSSI 6: Di interventi veri e propri, a parte la bordata del coloured Sy nella prima frazione di gioco, ne compie davvero pochi. In uno di questi, sulla dormita colossale della difesa sul calcio di punzione battuto veloce, ha un riflesso felino nello smanacciare in angolo la conclusione di D’Errico. I portieri veri si vedono proprio in queste occasioni: Papagni, almeno tra i pali, può dormire ancora sonni tranquilli.

NOCENTINI 5,5: Troppo spesso si lascia andare nei comportamenti, specie quando s’accanisce, in modo troppo veemente, contro la terna. Il nervosismo perenne che lo accompagna ne inficia anche il rendimento, che, nel complesso è comunque accettabile. A fine gara, però, certe reazioni potrebbe risparmiarsele: il pubblico, a torto o ragione, ha sempre il diritto di criticare.

DI NUNZIO 5,5: Impeccabile come suo solito, si esalta particolarmente nel gioco aereo, suo punto di forza: lo spauracchio Innocenti, praticamente, non si vede mai. Sulla sua prestazione, però, pesa quel doppio giallo che gli impedirà di partecipare alla delicata trasferta viareggina. Un vero peccato, soprattutto perché la prima ammonizione è tanto stupida quanto inutile.

FUSAR BASSINI 6: Prestazione attenta e senza sbavature la sua, sia in marcatura, sia in fase di copertura quando La Rosa riesce a rompere la prima linea di Bonomi (dall’11’ s.t. ARCURI 6: L’impatto è di quelli ottimi, tanto da far sperare i più che fosse proprio lui l’uomo in grado di aprire la scatola-Andria. Poi un problema muscolare lo costringe ad alzare bandiera bianca, proprio quando era in possesso del pallone ed in posizione favorevole per inventare qualcosa. Dal 31’ s.t. CORSETTI 6: Sul suo piede capita l’occasione più ghiotta del match, ma il suo destro in diagonale finisce sul fondo di un soffio, portandosi con sé la speranza di una vittoria in zona Cesarini)

KOSTADINOVIC 5,5: Più terzino che esterno di centrocampo: rispetto all’esordio i progressi, almeno in fase difensiva, sono importanti, segnale che il ragazzo le capacità le ha. Ma dalla cintola in su il suo apporto, oltre che qualitativamente scadente, è anche limitato al minimo.

GUITTO 6: E’ sempre nel vivo dell’azione, perché è lui l’uomo di raccordo tra il centrocampo e l’attacco. Rispetto al solito, mostra anche una discreta personalità, che lo porta spesso a cercare qualche giocata importante.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

BEATI 5,5: Scortato da Esposito, dovrebbe creare gioco ma, almeno nel primo tempo, causa sia scarsa vena, sia il pressing asfissiante degli andriesi, non ci riesce praticamente mai. Migliora vistosamente nella ripresa, ma comunque non eccelle. Fase costruttiva a parte, quando c’è da fare filtro il suo peso si sente comunque.

ESPOSITO 5,5: Solito cuore, solita grinta, ma anche soliti errori nelle poche volte in cui è chiamato in fase d’appoggio. Particolarmente nervoso anche lui, si becca un giallo inutile dopo un battibecco altrettanto inutile con D’Errico, che gli costerà la trasferta di Viareggio. Crescere e maturare significa anche non cadere in queste trappole.

BONOMI 5: Non finiremo mai di dirlo: da esterno è un uomo regalato agli avversari, sia perché non ha il passo per svolgere quel ruolo, sia perché il cross non è proprio il suo colpo migliore. Infatti, il suo rendimento cresce a vista d’occhio quando torna nel ruolo di terzino, nonostante dal suo lato agisca quel peperino di D’Errico che già in passato lo fece ammattire.

TORTOLANO 6: Per tre quarti di gara, è l’unico che dà l’impressione di avere il colpo in canna e infatti ci prova, spesso rischiando anche la figuraccia, ma dimostrando comunque grandissima personalità. Se solo le sue accelerazioni fulminee trovassero degna compagnia…

MUSETTI 5: Un ectoplasma. Praticamente gli riesce poco o nulla. Dovrebbe far salire la squadra, favorire gli inserimenti di Tortolano e Guitto, ma nei fatti è anticipato puntualmente oppure, anche spalle alla porta, non riesce mai a proteggere il pallone. Ma in quel ruolo e con quel compito è sprecato: un attaccante come lui va servito nella profondità (dall’11 s.t. BERNARDO 5: Come il compagno di cui prende posto e mansioni, non riesce mai ad incidere, stretto nella morsa di quella vecchia volpe di Migliaccio e di Malerba. Prova spesso ad uscire fuori dai blocchi a cercare il pallone, ma anche lui non è in giornata e finisce col perderlo sempre)

PAPAGNI 5: Va bene il punto conquistato. Va bene il mini allungo su Barletta e Carrarese. Ma queste gare, soprattutto in casa e con avversari ampiamente all’altezza vanno vinte. Il 3-5-2, alias 3-4-3 o 3-4-1-2 che dir si voglia, in casa è improponibile: serve una squadra che detti legge e attacchi, non che si rintani in attesa dell’avversario.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!