Il Sant’Agnello ci prede gusto, bloccata la Virtus Scafatese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Cioffi autore della rete del pari contro la Virtus Scafatese

Ci prende gusto il Sant’Agnello di Guarracino a scombussolare i piani delle grandi e laa Virtus Scafatese no  è da meno. Al Marcellino Cerulli di Massa Lubrense i costieri riprendono ad essere continui nei rendimenti dopo il successo di Mirabella Eclano.
E’ Cioffi a trovare il pari, un po’ fortunoso, ma voluto e cercato sin dal ventiseiesimo del primo tempo quando Del Grande aveva portato in vantaggio i canarini.
Esposito cambia qualcosa nel 4-4-2 di partenza. Non riesce a recuperare Somma e tocca a Marco Romano adattarsi da esterno basso. Guarracino sceglie Gargiulo come terzino destro per dare esperienza al reparto e manda Longobardi in panchina.
Prese le misure al Sant’Agnello, compaiono i primi tentativi di procurare problemi al pompeiano Uliano. Conclusioni di Memoli prima e di Maio poi. Al 25’ i gialloblù sbloccano la situazione. Sul suggerimento arrivato da Ferrentino, è bravo a Del Grande a proteggere il pallone e poi ad indirizzarlo in maniera furbesca alle spalle di Uliano.
Al 35’ Balzano può archiviare il tutto: centra la parte superiore della traversa, dando scampo al Sant’Agnello.
Padroni di casa che provano a rianimarsi con Esposito, che al 40’ chiama Gallo all’intervento in presa bassa.
Guarracino chiama alle armi Macarone per un opaco Fiorentino. La mossa è quanto mai giusta. I bianco azzurri ci sono e impattano dopo 120 secondi.
E’ Cioffi a cambiare il corso del match. L’esterno pareggia su una punizione strana, un tiro cross che scombussola nell’occasione le certezze di Gallo.
La Virtus tenta di alzare il baricentro e di aver iniziativa costante. A tratti vi riesce, però senza produrre reali situazioni di pericolo. Il Sant’Agnello, senza il massimo delle forze causa recupero infrasettimanale con vittoria, tiene botta e ogni tanto procede di ripartenza, l’esperienza in mezzo al campo di Serrapica serve ad abbassare i ritmi nei momenti di maggior insistenza da parte di Memoli e soci. Poco sul taccuino: da una parte il tentativo di Macarone al 14’, dall’altro quello di Del Grande al 18’. Vane le mosse in chiusura: nemmeno da Migliozzi e Umberto Romano arrivano slanci offensivi degni di nota.

Sant’Agnello – Virtus Scafatese 1-1
Sant’Agnello: Uliano, Gargiulo, Architravo, Inserra, Sessa, Di Donna, Cioffi (33′ st Palomba), Serrapica, Fiorentino (1′ st Macarone), Esposito (40′ st Cappiello), Scippa. A disposizione: Castaldo, Longobardi, Vitiello, Scelzo. Allenatore: Guarracino.
Virtus Scafatese: Gallo, Romano M., Colantuono, Memoli, Silvestro, Cirillo, Natino, Maio, Balzano (35′ st Romano U.), Ferrentino (35′ st Migliozzi), Del Grande. A disposizione: De Gennaro, De Bellis, Avino, Garello, Fariello. Allenatore: Esposito.
ARBITRO: Romaniello di Napoli.
RETI: 25′ pt Del Grande (VS), 2′ st Cioffi (SA).
NOTE: spettatori 150 circa. Ammoniti: Gargiulo, Ferrentino, Silvestro, Colantuono, Romano U. Angoli: 4-5. Recupero: 2’pt, 3’st.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!