Andria, parla Cosco: “Meritavamo qualcosa in più”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

E’ soddisfatto, ma non troppo, mister Vincenzo Cosco. Il tecnico dell’Andria, sciarpa con il colori sociali al collo, nella sala stampa dello stadio “Italia” commenta così lo 0-0 maturato nella sfida salvezza contro i rossoneri dell’ex Aldo Papagni:

“Abbiamo giocato per due risultati, ma, a prescindere dallo 0-0, abbiamo dimostrato di essere una squadra viva, con tanta personalità. Senza voler essere troppo presuntuosi, per quello che è stato lo sviluppo della partita, l’Andria meritava sicuramente qualcosa in più. Abbiamo subito poco, tenendo bene il campo, sia in ampiezza che in profondità, soprattutto mantenendo in mano il pallino del gioco, in particolar modo nel primo tempo. Nel secondo tempo, invece, ci siamo abbassati un po’ troppo, ma paradossalmente proprio in quel momento siamo riusciti a creare le occasioni da gol più nitide.

Giocando col centrocampo a tre abbiamo avuto la superiorità numerica in mediana, ciò ci ha permesso di tenere il controllo del campo, permettendoci così di non subire niente e ripartire bene. Nel primo tempo, con una rifinitura più attenta, avremmo potuto creare maggiori pericoli, nella ripresa invece siamo stati più pericolosi quando il Sorrento ha alzato il suo baricentro.

Accettiamo questo risultato con un discreto entusiasmo, sia perché il Sorrento è una buona squadra, ma soprattutto perché in classifica ci consente di tenere a debita distanza le nostre inseguitrici. E’ normale che oltre ai nostri risultati dobbiamo guardare a quelli degli altri. Siamo partiti con l’obiettivo della salvezza, col tempo abbiamo fatto nostra questa condizione e adesso l’obiettivo è di fare la corsa su quelle 5-6 squadre che sono alla nostra portata. Nel girone di ritorno si giocano le partite più importanti, quindi ci tocca tenere botta ancora un po’, perché sono convinto che nel finale verrà fuori la nostra vera forza.

Conosco la bravura del mio collega Papagni, che ha presentato in campo una squadra ordinata, che ha rischiato poco. I rossoneri hanno fatto una campagna acquisti sontuosa e posseggono grosse individualità, soprattutto in avanti, con gente come Bernardo, Musetti, che ha fatto sempre campionati di caratura superiore, Corsetti e Konan ma nonostante ciò noi abbiamo cercato sempre di fare la nostra partita, sia in fase di possesso che in quella difensiva. Anche il Sorrento deve trovare la giusta condizione, ma a prescindere da questo oggi davanti a sé ha trovato un’Andria attenta, molto applicata ma soprattutto molto determinata.

Abbiamo dei giocatori che sono arrivati da poco, per questo nella ripresa siamo calati. Col tempo abbiamo la possibilità di amalgamarli meglio e di fargli raggiungere una condizione fisica ottimale, in particolar modo Sy e Branzani, che potranno aiutarci ad alzare lo spessore della nostra squadra.”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!