Sorrento calcio, Papagni”A Prato è la vittoria di tutto il gruppo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Chiede ai suoi di svoltare anche in casa mister Papagni (foto Penna)

“E’ una vittoria fondamentale, pesante per la classifica e il morale”. Commenta così Aldo Papagni i tre punti ottenuti al Bisenzio contro il Prato.
Con l’occhio anche alla classifica il tecnico di Bisceglie può sorridere anche se il cammino è ancora difficile.
“Non siamo più ultimi e deve essere una molla in più per fare meglio anche in futuro”. I costieri abbandonano la sedicesima piazza e possono affrontare la sfida con l’Andria con maggiore tranquillità.
“Tatticamente la  squadra è stata perfetta seguendo a menadito le indicazioni che avevo dato loro – spiega Papagni -. È la vittoria di tutto il gruppo”.
Unito come un pugno il Sorrento ha lottato strenuamente contro i lanieri per portar via il bottino pieno dall’impianto toscano. Una squadra che ha sudato le proverbiali sette camicie, stretto i denti, fatto rimbalzare ogni pallone sulla propria solida difesa.
“ Contavano punti al di là del gioco – sottolinea il tecnico pugliese -. Contro squadra ostica che aveva delle individualità importanti i ragazzi si sono sempre aiutati mettendoci: cuore, umiltà e volontà”.
Certo l’aspetto mentale era tutto dalla parte del Prato. Classifica tranquilla e match ampiamente alla portata, ma alla fine ha prevalso la voglia di rivincita del roster peninsulare reduce dalla cocente sconfitta con la capolista Latina.
“Grande atteggiamento mentale dopo una sconfitta come quella con il Latina – rilancia Papagni -. Non era facile. Il merito maggiore è quello di aver tenuto duro senza soffrire nel secondo tempo.
Rispetto al passato un passo in più a livello mentale anche perché non abbiamo sbandato”.
Quando si pensa al futuro prossimo si va con la mente all’Andria una partita che in partenza non si può sbagliare.
“L’opportunità di migliorare c’è anche sotto il profilo del gioco, ma mi aspetto un Sorrento tutto sangue ed arena – analizza l’allenatore rossonero -. Umiltà e continuità questa deve essere la ricetta per il futuro. Servono risultati prima di tutto in casa”.
Il nuovo arrivo Konan è andato in panchina riscaldandosi per una frazione della ripresa, ma senza andare in campo.
“Ci sono margini di miglioramento anche per lui che potrebbe essere un’arma in più” conclude Papagni.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!