Tris Palmese, Massa Lubrense ko

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sarebbe stata difficile anche a pieno organico la sfida con la Palmese che ha ripreso a marciare al ritmo delle grande ed espugna il Marcellino Cerulli senza colpo ferire.
Aspetto mentale e cinicità sono le armi migliori del roster di Mazziotti. Segna in apertura e chiusura di contesa l’undici napoletano imponendo la forza e la qualità di un gruppo che ha iniziato a spingere verso l’alto solo a stagione in corso.
Dopo aver fatto la conta dei disponibili Gargiulo cerca di adeguare il proprio roster a quello che può essere il leit-motiv della partita. Palmese padrona del campo, Massa che si affida al contropiede.
Salta tutto dopo sette minuti. Fa tutto Palmieri che prende palla ai 40 metri salta tre avversari, entra in area e fredda l’incolpevole Stinga.
I nero azzurri non ci sono, Logoluso dirige le operazioni in mediana dove latitano Cestaro e Cappiello.
Il cambio di Cacace per De Stefano dà la sveglia, ma nel momento migliore della prima frazione il patatrac. Stinga è prodigioso in occasione della conclusione di Befi, ma D’Esposito cercando di spazzare mette nella propria porta.
Si spegne tutto in un sol colpo. La rimonta sembra davvero ardua. L’abbordaggio dei rossoneri al piroscafo massese è una mattanza. I costieri non ci sono più.
Nella ripresa amministra la Palmese che tiene palla e prova a pizzicare la difesa fuori posizione senza riuscirvi.
Il furore agonistico con cui il Massa affronta gli avversari è encomiabile, ma quando Rodolfo Gargiulo interviene duramente su La Marca e viene espulso la Palmese mette in ghiaccio la bottiglia e toglie la gabbietta.
Le migliori iniziative dei padroni di casa nascono solo su palla inattiva, ma Fantasia è sicuro e fortunato in un paio di circostanze.
All’ultimo minuto Befi si beve la difesa, batte Stinga, apre il frigo e toglie il tappo alla bottiglia facendo esplodere di gioia i suoi compagni.

Massa Lubrense – Palmese 0-3
Massa Lubrense: Stinga 6, De Angelis 5,5, D’Esposito 5 (1’st Siniscalchi 6), Cappiello 5, De Luca 5.5, Gargoulo R 4, De Stefano 5 (31’pt Cacace 6), Cestaro 5, Marino 5, Di Leva 6 (32’st Balducelli sv), Gargiulo A 5. a disp.: Fiorentino, De Simone, Apreda, Palomba. All.: Gargiulo L. 5.5
Palmese: Fantasia 6.5, Paracolli 6, Palumbo 6.5 (36’st Moccia sv), Carafagno 6, Angieri 6.5, La Marca 6.5, Visone 6.5, Logoluso 6.5 (13’st Di Luccio 6), Befi 6.5, Manco 6 (34’st Di Giacomo sv), Palmieri 6.5. A disp.: Caliendo, D’Auria, Arianna, Piccirillo. All.: Mazziotti.
Arbitro: sig. Rossi di torre del Greco 5.5
Marcatori: 7’pt Palmieri (P), 45’pt aut. D’Esposito (P), 44’st Befi (P)
Note: spettatori 100 circa. Ammoniti: Manco, Cestaro, Carafagno, De Luca. Espulso: Gargiulo R.
Angoli: 2-4. rec.: 3’pt, 3’st.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!