Latina, parla Pecchia: “Noi fortunati. Bene la ripresa, rabbiosa ma lucida”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Fabio Pecchia (foto Pollio)

Ringalluzzito da un primato che, complice la sconfitta casalinga dell’Avellino nel derby col Benevento, si fa ancora più saldo, l’allenatore del Latina, Fabio Pecchia, analizza con lucidità il successo che ha permesso alla sua squadra di ottenere il decimo risultato utile consecutivo.

Ecco, nel dettaglio, le impressioni del tecnico dei nerazzurri:

“Sono molto contento perché vincere su un campo come questo, contro una squadra ultima in classifica che per di più ha cambiato allenatore da poco non è assolutamente semplice.

Nel primo tempo abbiamo sbagliato troppo sotto porta ed infatti, come la legge del calcio vuole, siamo stati puniti da Tortolano, rischiando di compromettere la partita. Nel secondo tempo non è stato assolutamente facile, soprattutto su un campo così piccolo e veloce e con il Sorrento che si chiudeva bene. Per questo devo elogiare la mia squadra, che è stata rabbiosa e lucida nello stesso momento.

Dal punto di vista tattico mi è piaciuto più il primo del secondo tempo perché, al di là dei due gol annullati ad Agodirin, sui quali non voglio recriminare, e sulle tante occasioni da gol create ma non sfruttate, non abbiamo dato modo al Sorrento di giocare. L’approccio è stato quello giusto, poi anche un pizzico di fortuna ci ha aiutato nel recuperare la partita.

Riguardo all’ex Tortolano, che ha segnato il gol dell’1-0, posso dire che non ho mai dubitato delle sue qualità. Abbiamo deciso di mandarlo via per dargli la possibilità di mettere in mostra il suo talento visto che abbiamo una rosa ben assortita ed avrebbe faticato a trovare spazio.

La classifica non la guardo, quello che succede sotto di noi m’interessa fino ad un certo punto, è ancora troppo presto per cominciare a fare conti. Adesso m’interessa solamente la partita di domenica prossima contro il Viareggio. L’avversaria che mi fa più paura? Sono tante. Ma io penso solo che dobbiamo crescere, migliorare e portare a pieno regime giocatori come Schetter, Danilevicius e Giallombardo perché, considerata anche la semifinale di Coppa Italia, ci aspetta un mese terribile.

Da questa partita usciamo sicuramente più forti dal punto di vista psicologico, quindi dobbiamo continuare a lavorare sulla stessa linea tracciata in quest’ultimo periodo.”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!