Gimel: parola al capitano Guadagnuolo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massalubrense – Un altro anno se ne va, un anno positivo per la Gimel Sant’Agata che ha raccolto la prima salvezza alla prima partecipazione al campionato di Serie C e dovrà difendere la permanenza in categoria all’inizio della nuova tornata targata 2013. La chiusura è affidata al capitano Marta Guadagnuolo, che è rientrata nei ranghi dopo un 2011-2012 caratterizzato da un brutto infortunio che le ha fatto saltare tutta la stagione e che è diventato il perno della compagine santagatese: «Se guardiamo l’ultima partita del 2012 a Salerno, sembrerebbe che quest’anno sia terminato alla stregua del suo inizio – racconta -. La scorsa stagione è stata, per la prima squadra, caratterizzata dagli infortuni e da prestazioni con un andamento calante rispetto all’inizio del campionato. Nell’ultima gara del 2012 purtroppo sono venute fuori tutte le debolezze di una squadra che ancora deve lavorare molto, anche e soprattutto sotto l’ aspetto mentale». In effetti l’ultima sconfitta per 3-1 a Salerno ha macchiato la partenza delle gimelline, che finora hanno raccolto 12 punti, ottavo posto in classifica, grazie a 4 vittorie in dieci partite. Ma non è tutto da buttare, anzi: «La squadra a sprazzi ha mostrato voglia di crescere e di migliorare. Maggiore sicurezza in campo, gioco più veloce e degno del campionato al quale partecipiamo – continua il capitano -. La stagione in corso, giunta quasi al giro di boa ci vede al momento in un meritato ottavo posto. Soddisfacente, se pensiamo che l’ obiettivo per questa formazione è ancora una volta una salvezza tranquilla».
Ma le note più liete arrivano dalle più giovani, che si stanno inserendo al meglio nel gruppo migliorando di giornata in giornata: «Sottolineo come nota positiva di quest’ anno che sta giungendo al termine, la crescita delle due giovani Ilaria Mastellone e Grazia Marciano – conclude la Guadagnuolo – che sono finalmente diventate parte integrante di questa formazione. Un 2012 quindi con due facce della medaglia totalmente opposte. Entrambe da guardare ed analizzare per continuare a migliorare e poter sperare in un 2013 dai risultati più ambiziosi».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!