Apd Carotenuto: un bell’8 all’anno che se ne va

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Agnello – Non si può dire che il 2012 sia stato avaro di soddisfazioni per l’Apd Carotenuto, che ha raccolto tanti successi durante l’arco dell’anno grazie a tutte le sue squadre, in particolare la formazione di C e con la U16 sesta alle finali nazionali di Pomezia. Un anno di cui Francesco Carotenuto, dirigente e giocatore della società, ci racconta: «Questo 2012 che volge al termine è stato sicuramente ricco di eventi, emozioni e di grande crescita pallavolistica; è stato il primo anno nella massima categoria regionale, la C, che per noi squadra giovane, ma dalla crescita esponenziale, è un gran traguardo. Tale campionato è stato vissuto con la voglia di divertirsi e fare bene, ed i risultati ci hanno premiato;una salvezza più che tranquilla e soprattutto la vittoria in casa della corazzata e imbattuta Colli Aminei promossa in B2 sono un ricordo bellissimo». Sul fronte femminile poteva arrivare la promozione in D ma le gioie non sono mancate: «Al femminile il ricordo è meno bello, ma solamente per il finale, in quanto le ragazze di mister Celentano dopo essere approdare ai play-off promozione, dopo una anno ricco di vittorie, si sono arrese ad un passo dalla promozione». risultati straordinari quelli arrivati dalle giovanili della società che si conferma tra i migliori vivai della regione e di tutta Italia: «Poi c’è il settore giovanile dove tante sono state le soddisfazioni e le esperienze fatte come il Memorial Foroni contro le più importanti squadre d’Italia e in particolare è stato l’ anno della cavalcata trionfale del gruppo di coach Gargiulo e Cafiero, che prima si è affermato in provincia, poi il 30 Aprile campione della Campania, guadagnandosi così l’accesso alle Finali Nazionali di categoria; lì è stato un crescente di emozioni e soddisfazioni e il sesto posto finale davanti a squadre dal nome altisonante è stato ciò che di più bello i ragazzi potevano regalarsi e regalare a tutto il movimento campano».
La nuova stagione ha portato in dote qualche amarezza di troppo, ma la situazione sta migliorando giorno dopo giorno: «Il 2012-2013 è cominciato con tante difficoltà economiche e soprattutto organizzative/logistiche dovute ai problemi con la struttura di Viale dei Pini, ma la società non si è mai arresa e con tanto lavoro e tanti sacrifici, purtroppo spesso non capiti da alcune persone, ha messo in campo un progetto ancora più importante. Il primo è stato di puntare sul gruppo U16 facendogli disputare un campionato molto ostico come quello della serie C, e mettendo a loro disposizione due tecnici di primissimo livello come Russo e Scognamiglio; il secondo è stato quello di ‘arruolare’ tra le sue file altri due tecnici di sicuro affidamento e dalle indiscusse capacità come Imparato Bruno e Federica Castellano per dare la possibilità a tutte le nuove leve di crescere al meglio, sperando così di costruire in casa nuovi campioncini. La società ha deciso così di puntare sui giovani e il nuovo anno ci dirà quanto di buono o non è stato fatto». La stagione ha portato novità anche tra le squadre senior che competono per obiettivi importanti: «Per i più ‘vecchietti’ ci si è inventati una squadra dal nulla, che però già sta facendo vedere che anche se un po’ più in là con gli anni, il gruppo della I Divisione M è ancora in grado di dire la sua; mentre la squadra di I Divisione F ha cominciato fin da subito la sua corsa verso le zone alte della classifica che la porterà sicuramente verso Aprile a giocarsi la promozione».
Per concludere questo lungo racconto, Carotenuto riserva un voto alla sua società: «La società dà un 8 al suo 2012, voto più che positivo dato dai grandi risultati raggiunti nella prima parte e la voglia e la determinazione di rilanciare ancor di più in un momento di grande difficoltà generale, in questo inizio di stagione in cui un po’ tutti si sono dovuti ridimensionare».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!