Vico Equense, Sorianiello:”45 minuti di alto livello”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ha esultato anche Sorianiello quando Evacuo ha chiuso la gara per il 4-1

Sul 4-1 esplode anche Sorianiello. Pacato e silenzioso il mister del Vico come tutta la sua squadra sentiva particolarmente la sfida.
“Un primo tempo bloccato da parte dei ragazzi, poi ci siamo sciolti e tutto è stata una logica conseguenza”.
Ha dovuto sudare almeno tre delle proverbiali sette camicie la compagine azzurro oro per avere la meglio di una Virtus Scafatese capace di imbrigliare al meglio per 45 minuti i propri avversari.
“Sofferto di vertigini? Possibile – spiega il mister vicano -. C’era il peso di dover fare risultato a tutti i costi per poter passare un Natale più tranquillo e da campioni d’inverno”.
Negli spogliatoi la strigliatina che non guasta mai.
“Ho solo chiesto velocità e mi hanno ascoltato alla grande – analizza Sorianiello -. Posso anche confidare su una panchina lunga e ne siamo venuti a capo alla grande”.
Se ha alzato la voce e dato la scossa nell’intervallo a fine gara una tiratina d’orecchi, però, l’allenatore la fa ai suoi ragazzi.
“Sul 2-0 abbiamo mollato leggermente credendo di averla portata a casa e siamo stati puniti, ma la reazione è stata immediata sintomo che la squadra era sul pezzo”.
Tra il primo ed il secondo tempo scatta l’ora del franco algerino Mansour.
“Ha dimostrato di avere qualità e di mettersi al servizio della squadra – conclude il tecnico costiero -, ma deve maturare ancora”.
Tufano è partito nell’11 titolare, poi in chiusura di primo tempo il crack. Il nuovo arrivo si è fermato per un problema al bicipite femorale.
“Sembra davvero non esserci pace in casa nostra – conclude Sorianiello -. Mi auguro che possa essere recuperato quanto prima. Dopo la sosta? Vedremo e speriamo”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!