Gargiulo:”Massa rialzati con capitan Cacace”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Confida nel suo capitano, Marcello Cacace, mister Luigi Gargiulo per battere l’Eclanse

Se avesse potuto scegliere forse si sarebbe tenuto alla larga dalla sfida con l’Eclanese mister Gargiulo. È vero che il Massa Lubrense sfiderà l’ultima della classe, ma non troverà una squadra allo sfaldo.
“Partita difficile perché i nostri avversari stanno rinnovando molto la squadra e faranno di tutto per far mantenere aperto il discorso salvezza”.
I nero azzurri sono partiti con il chiaro obiettivo di mantenere la categoria e alla quota fissata in precampionato mancano solo 10 punti.
“E’ vero manca poco e questa gara deve essere interpretata con tutta la rabbia possibile dopo la sconfitta contro l’Angri Calcio di domenica scorsa – spiega Gargiulo -. Uno scippo? Forse. Pesa un po’ quello che non abbiamo saputo concretizzare”.
Al Novi è andata in scena una vera e propria battaglia. I grigio rossi l’hanno spuntata solo allo scadere su un rigore netto, ma resta il rammarico per il goal non convalidato a Marino e l’errore sotto porta di capitan Cacace.
“Il capitano l’ho visto molto carico – conclude il tecnico -. Stimolato dall’errore? Credo di si. La profezia? Certamente dico Marcello Cacace e spero di azzeccarci anche questa volta”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!