Imparato: “Torrecuso cambia mister? Guardiamo in casa nostra”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il centrale vicano Martino Imparato

Vico Equense – Il Vico torna primo in classifica in solitaria, e di questo va dato merito ad una difesa granitica in cui Martino Imparato si trova perfettamente a suo agio. Tra i migliori anche nella sfida contro il Sant’Agnello, commenta il cambio di timoniere alla guida del Torrecuso, scavalcato in testa, che ha gettato nello scompiglio la squadra: «Non credo che questo ci semplificherà il compito, noi ci crediamo nella vittoria del campionato e penso che lotteremo fino alla fine con Torrecuso Angri e Trentinara. Noi pensiamo alle faccende di casa nostra, se giochiamo come sappiamo non ce n’è per nessuno».
Perso Romano, insieme a Di Benedetto, Venditto e altri giocatori, il Vico ha un attacco completamente rinnovato, che deve trovare la giusta quadratura: «Con Tufano ho già giocato a Nola, ci conosciamo bene, penso che dopo queste ultime partite e dopo la sosta vedremo il massimo valore del Vico».
Imparato tira le somme del girone d’andata che sta per concludersi e trova solo una sbavatura al cammino del Vico: «Penso che l’unico rammarico del nostro girone d’andata sia stato la sconfitta contro l’Angri per 3-0, perchè in quella partita non siamo scesi in campo».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!