Sorrento, Mastellone furioso con l’arbitro: “Ha preso decisioni assurde”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il vice-presidente Gaetano Mastellone e il presidente Paolo DuranteAnche la dirigenza non ci sta. La direzione di gara del signor Daniele Chiffi di Padova ha fatto storcere il naso anche ai dirigenti rossoneri. Dopo le dichiarazioni al vetriolo rilasciate in sala stampa dall’allenatore Giovanni Bucaro, è arrivata la dura presa di posizione anche del vice-presidente Gaetano Mastellone che in una nota affidata agli organi d’informazione palesa tutto il suo malessere nei confronti di un arbitraggio che avrebbe favorito il Frosinone.

Di seguito, la nota integrale:

“Sono molto amareggiato per aver visto, ancora una volta, una terna arbitrale scadente, le cui inefficienze si tramutano, come accaduto oggi durante la gara Sorrento-Frosinone, in decisioni assurde.

I cinque minuti di recuperi concessi sono apparsi veramente eccessivi: questa decisione ci è costata un calcio di rigore al 95′ sul quale non c’è nulla da obiettare. Non condivido il metodo degli arbitraggi che favoriscono i cosiddetti grandi club. 

Quest’anno di decisioni contro, da parte degli arbitri, ne abbiamo avute troppe. Ora basta. Vogliamo essere rispettati, come siamo abituati a fare. 

Di esempi ne potrei portare tanti. Il portiere del Frosinone ha inveito, apertamente, per quasi tutto il secondo tempo nei confronti del nostro attaccante Bernardo sotto i “chiusi” occhi del guardialinee. 

Ripeto, ora basta. Non desideriamo regali, vogliamo solamente equità nei giudizi in campo. La società fa sacrifici, i tifosi anche e anche loro devono essere rispettati perchè sono esempio di correttezza”

Vice Presidente Gaetano Mastellone

 

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!