Massa Lubrense: Al fotofinish festeggia il Città di Angri

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Un rosso e un rigore costano il pari al Massa

Mastica amaro il Massa Lubrense d mister Gargiulo che al Novi di Angri tiene botta, lotta, recrimina e cede nel finale.
Nessuno si sarebbe aspettato che alla 14ͣ Città di Angri-Massa Lubrense sarebbe stato il big match di giornata. Al termine di una gara condizionata dalle condizioni del terreno di gioco si impongono i padroni di casa grazie ad un rigore ottenuto sul filo di lana.
I grigio rossi partono a razzo. I nero azzurri non imparano dagli errori del passato e si svegliano presto. È Tranfa a destare dal sogno i costieri che devono recuperare il pallone oltre la linea.
Convinti di aver fatto il più i doriani si ritraggono per punire i massesi in contropiede. La decisione è sbagliata, perché crescono i costieri che a metà frazione grazie a Marino pareggiano.
L’assunto sulla relazione tra Marino e tre punti per il Massa salta però al Novi.
La partita è bella vibrante e intensa.
L’Agri carica a testa bassa, i nero azzurri si infilano negli spazi alla grande.
Le chance si sprecano da una parte e dall’altra. Alla fine manca solo il goal. A trovarlo prima è la compagine di Gargiulo, ma  Gallicci annulla.
Dubbi? Si. Anche se gli animi in casa costiera sono tranquilli.
La battaglia si infuoca a centrocampo ogni contrasto è una corrida. I padroni di casa non ci stanno, i costieri neppure e a dieci dal termine Cestaro si becca il secondo giallo e lascia i suoi in 10.
Quando tutto faceva presagire al pareggio Montella è steso in area. Dal dischetto va lo stesso attaccante che batte Stinga e firmando il definitivo due a uno.

Angri-Massalubrense 2-1
Angri: Bracciante 6, D’Amato 6,5, Santaniello 6,5, Cusimano 6,5, Abate 6, Correale 6, Rodio 6, Amarante 6,5, Tranfa 7, Falcone 6,5 (al 62′ Montella 6), Galdi. A disp: Cesarano, Martino, De Prisco A., D’Ambrosio, De Prisco E. All.Criscuolo 6,5
Massa Lubrense: Stinga 6, Cantilena 6, Esposito 6, Cappello 6, De Luca 6,5, Gargiulo 6, Iovino 6,5, Cestaro 6, Marino 6,5 Cacace 6 (al 70′ De Stefano 6), Di Leva 6.  A disp: Fiorenti, Somma, Baldicelli, Siniscalchi, Zappella. All. Gargiulo 6
Arbitro: Gallicci di Caserta
Marcatori: Tranfa al 7′ (A), Marino al 25′ (M), Montella al 92′ su rig. (A)
Note: ammoniti D’Amato, Santaniello, Abate, Rodio, Montella (A), Stinga, Cappello, Gargiulo (M). Espulso al 78′ Cestaro (M)per doppia ammonizione.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!