Frosinone, parla Stellone: “Noi fortunati. Ma il pari è il risultato più giusto”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

L'allenatore del Frosinone, Roberto StelloneDi umore completamente opposto al collega rossonero, l’allenatore del Frosinone, Roberto Stellone, ex attaccante tra le altre squadre, di Napoli e Torino, analizza la gara pareggiata dai suoi uomini allo stadio “Italia” di Sorrento. Visibilmente soddisfatto per il punto guadagnato proprio nelle battute finali del match, l’allenatore ciociaro difende la sua squadra, accusata a fine gara dai propri sostenitori di aver mancato la vittoria per la quinta giornata consecutiva.

Nel dettaglio, queste le dichiarazioni di Roberto Stellone:

“Domenica scorsa abbiamo buttato due punti per un rigore nel recupero, adesso l’extra-time ci ha aiutato a strappare un pareggio che, per quello che si è visto nell’arco della partita, è giusto: nel primo tempo abbiamo giocato meglio noi, nel secondo, invece, il Sorrento ci ha messo più grinta e determinazione, trovando prima il pareggio e subito dopo il vantaggio. Ma noi siamo stati bravi a non disunirci e a crederci fino alla fine, guadagnando così un punto che, per come si erano messe le cose, è sicuramente un punto guadagnato. Insomma, si può dire che siamo stati anche fortunati.

Oggi abbiamo avuto la prova che tutte le partite sono difficili. Questa è stata una delle più complicate anche a causa delle dimensioni ridotte del terreno di gioco che non ci ha permesso di giocare come sappiamo. Nonostante questo, abbiamo provato sempre a manovrare, tranne nel secondo tempo quando, spinti anche dalla pressione del Sorrento, ci siamo affidati troppo ai lanci dalla difesa, facilitando così le caratteristiche dei rossoneri, che in Nocentini hanno un ottimo colpitore di testa.

La contestazione dei tifosi a fine gara? I nostri supporters non erano felici di questo risultato, visto che siamo alla quinta giornata senza vittoria. Loro, però, devono capire che noi per primi non siamo soddisfatti di questo periodo, in cui i punti raccolti non corrispondono sicuramente alla bontà delle nostre prestazioni. E’ un periodo negativo solamente sotto il profilo dei risultati, il gioco c’è sempre. Anche domenica scorsa contro la Paganese abbiamo buttato via due punti nel finale per un rigore regalato. Non va dimenticato, poi, che oggi avevamo ben sette assenze importanti ed in campo sono andati cinque giovani classe 1993. Il nostro obiettivo resta comunque la salvezza, anche se è normale che, consapevoli di essere una buona squadra, adesso che siamo nelle zone alte della classifica, faremo di tutto per rimanerci.”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!