Sant’Agnello in stile Zeman basterà contro il Vico?

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Potrebbe essere l’ultima di Montoro con il Sant’Agnello

Ne ha giocato solo due di sfide con i top team il Sant’Agnello di mister Guarracino, ma alla fine il risultato è stato sempre lo stesso: 3-0.
Il problema della compagine del presidente Negri è la giovane età. Tanto sfacciata contro team alla portata anche con clamorosi ribaltoni, quanto ingenui con le big.
Le sconfitte è un dato di fatto sono sempre arrivate, però, lontano da casa. Al Novi contro i grigio rossi, nel Sannio contro il Torrecuso.
Lo stile zemaniano con cui gli spregiudicati bianco azzurri affrontano tutti fanno si che la squadra santanellese abbia pareggiato una sola volta in 13 partite. Un piccolo record.
13 i punti in altrettante gare, 18 reti fatte e 25 subite fanno dei costieri un team pericoloso anche per i cugini del Vico Equense.
Il derby vale sempre tre punti, ma alla fine è una partita che regala emozioni a parte.
Chi ha tutto da perdere è la corazzata Vico Equense. 29 reti all’attivo e 9 al passivo sono un biglietto da visita importante, ma se i ragazzi terribili di Guarracino la interpreteranno come contro la Palmese ci si potrà divertire.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!