Massa: Contro il Città di Angri per sfatare il tabù 0 goal con le grandi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Torrecuso, Vico, Trentinara = 0 goal.
Il dato emerge dalle sfide che il Massa Lubrense ha disputato contro tre delle compagini che lo precedono in classifica. Alle porte il match contro il Città di Angri e la consapevolezza che una rete potrebbe anche bastare.
Se c’è una cosa ormai cronica è che il Massa è legato a doppio filo alle prestazioni di Marino soprattutto in casa, lontano dal Cerulli ci ha pensato anche Cestaro a togliere le castagne dal fuoco a mister Gargiulo.
I grigio rossi sono compagine uscita rinforzata dal mercato di dicembre. Non è arrivato Tortora, ma ottimi elementi in grado di far fare il salto di qualità definitivo ai doriani. Basterà? Forse.
I nero azzurri recuperano i tre quarti della linea titolare: De Luca, Gargiulo e D’Esposito, ma perdono Aiello per infrtunio.
Il terreno di gioco del Novi è tutto da scoprire. Infatti, anche se di erba naturale la situazione quando piove si fa pensate se non pesantissimo e giocare palla a terra diviene praticamente impossibile.
La ricetta di capitan Marcello Cacace: “corti e compatti” potrebbe essere l’arma vincente per imbrigliare i padroni di casa, ma per entrare nella storia del sodalizio di via Arenaccia servirà che qualcuno sfati il tabù goal contro le grandi.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!