Sorrento, blitz di Avallone a Firenze. E per l’attacco spunta la pista Guzman

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il vice-presidente Mastellone ed il ds Avallone all'hotel "River" di FirenzeSu e giù per lo stivale, in attesa di piazzare l’affondo decisivo per portare alla corte di Giovanni Bucaro quell’attaccante in grado di risollevare i rossoneri dai bassifondi della classifica. Abbandonato, finalmente, il quartier generale dello stadio “Italia” dove tra un allenamento e l’altro nelle ultime settimane il suo cellulare aveva cominciato a squillare con rinnovata insistenza, il direttore sportivo dei costieri, Salvatore Avallone, ricevuta carta bianca dalla dirigenza, si è tuffato con entusiasmo e dedizione nell’impresa di raddrizzare la baracca rossonera con i puntelli giusti.

In prima persona e a quattr’occhi con i diretti interessati o con i rispettivi procuratori, l’uomo mercato del Sorrento sta tessendo la sua tela. La settimana scorsa un blitz a Cremona, con sull’agenda un incontro con l’attaccante della Cremonese, Riccardo Musetti. Da ieri, invece, un “mordi e fuggi” a Firenze, con obiettivo però ancora top-secret. Un’ “incursione” rapida, “smascherata” da una foto pubblicata sul profilo FB del vice-presidente Gaetano Mastellone, seduto accanto ad Avallone nella hall dell’Hotel “River”, gestito dalla LHP Hotels, di cui lo stesso imprenditore sorrentino è presidente. Un momento di relax post-colazione che ha solleticato la fantasia dei tifosi frequentatori del social network.

La caccia al “nome”, così, è iniziata anche tra i supporters. Tante le idee, ma poche le certezze. Alcune le ha certamente già Avallone, che ha incassato un rinvio a decidere da parte di Francesco Zizzari: l’attaccante ex Siracusa, attualmente svincolato, sta valutando la proposta del Sorrento e resta, quindi, in stand-by. Propenso, invece, al cambio di casacca Riccardo Musetti, in rotta di collisione ed in scadenza di contratto nel prossimo giugno con la Cremonese: già a giugno i grigio-rossi lo invitarono a trovarsi una nuova sistemazione, con l’Avellino che, fattosi avanti, ritirò proprio all’ultimo istante la candidatura, lasciando così l’attaccante carrarese al palo. L’interesse del Sorrento sembra gradito all’ex Spezia e Treviso, resta quindi da trovare l’accordo con la Cremonese.

L’ultimo nome finito sul taccuino di Salvatore Avallone è, invece, quello di Tomas Andres Gaetan Guzman, attaccante paraguaiano classe 1982, attualmente svincolato. Attaccante esterno, con predisposizione ad agire sulla corsia mancina, Guzman, approdato in Italia grazie alla Juventus nel la stagione 2000-2001, ha vestito lo scorso anno le casacche di Piacenza (19 presenze e 5 goal fino a gennaio) e Gubbio (16 gettoni e 3 realizzazioni). Che sia proprio lui il mister X incontrato dal ds nella città di Dante?

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!