La tartaruga Fortitudo spazzata via dalla furba Capri

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Aaa vittoria cercasi.
La Fortitudo Sorrento cede contro un buon Capri nel derby della terre delle sirene. Gli ospiti più esperti sfruttano la pessima idea da parte dei padroni di casa di giocare sotto ritmo e si impongono grazie all’esperienza nel corso dell’ultimo quarto.
“Abbiamo giocato con i piombi nelle scarpe”. Laconico il commento di coach Di Maio, la cui panchina traballa.
Tra scelte impopolari e roster ridotto il tecnico costiero fa di necessità virtù, ma in campo i suoi non partono a razzo, soffrono per tutta la gara sotto le plance e devono subito rincorrere. Infatti, alla fine del primo quarto sono sotto di 5 (12-17).
Cambio di marcia nella seconda parte di gara, parziale ribaltato e all’intervallo la compagine bianco verde va avanti di un punto (26-25).
L’andamento potrebbe essere favorevole ai fortitudini, ma dopo aver dato una scossa al termine del terzo quarto portandosi avanti di 5 (40-35) arriva puntuale il black out che, contro squadre esperte non dovrebbe mai accadere, e salta tutto.
Mancanello si carica gli isolani sulle spalle mette a referto nei soli 10 minuti del quarto parziale ben 11 punti e trascina Capri a ribaltare tutto ed imporsi di 10 (51-61).
Pecca per i padroni di casa non essere riusciti a mantenere sempre la quinta marcia come ritmo perché alla lunga l’esperienza paga sempre quando non si sfrutta la freschezza di cui si dispone.

(promo) Fortitudo Sorrento – Olimpia Capri basket 51-61
(12-17; 26-25; 40-35)
Fortitudo Sorrento: Carrino 6, Cascella G 2, Cascella E 4, Ardia 2, Esposito 14, Amendola 13, Vazza 4, De Martino 6.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!