E’ servito il gambero Sorrento

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Aiman Napoli fredda Polizzi per l’1-0 (foto Penna)

Perde la partita e le prime certezze il Sorrento targato Giovanni Bucaro che all’Italia cade al cospetto di un ottimo Prato.
Una partita che nasce male, procede e termina ancora peggio. Avvio promettente poi si spegne la luce e i lanieri mettono a ferro e fuoco il centrocampo costiero dove arrancano tutti. La squadra toscana in versione trasferta fa davvero paura. Un successo sfumato la scorsa settimana a Viareggio e giunto con puntualità in costiera. Sorpasso in classifica, sei punti e tante certezze.
Se la salvezza doveva passare per il campo di casa adesso si dovrà fare di necessità virtù e iniziare a fare punti anche in trasferta.
La partenza è solo un fuoco di paglia perché dopo il tiro a giro il Sorrento perde Corsetti non pervenuto per il resto della gara il neo capitano.
Chi dirige l’orchestra, Zanetti, è braccato e la manovra ne risente. Non c’è fluidità. Gli spazi sono più intasati di un vicoletto sorrentino in piena estate e la fisicità dei toscani vince al cospetto dell’agilità dei rossoneri.
In difesa che balbetti il giovane Terminiello ci sta, ma che si vada in barca spesso e volentieri con i giocatori più esperti deve rappresentare più di un campanello d’allarme.
Così non va. Tutti devono rendersi conto delle difficoltà, in primis gli attori che vanno in campo.
Non c’è stata supponenza, ma ripetere a mena dito cose che non portano costrutto è un limite per tutti.
Il genio e la sregolatezza dei costieri non scardinano l’organizzazione dei corazzieri toscani.
Il gambero rossonero è servito al forno. La cottura è stata lenta. Durata della preparazione 62 minuti. Se con la Carrarese c’era stato un passo avanti, la doppia sconfitta è un duplice balzo all’indietro.
Non c’è spazio per pensare. Si deve ripartire subito, lavorare sodo, divertirsi il giusto e stare in silenzio a testa bassa pronti a caricare l’Andria.
In Puglia non si potrà sbagliare. Un nuovo scontro diretto potrebbe rappresentare la ghigliottina del campionato. Non si farà mancare la sofferenza la compagine costiera che deve iniziare a pensare in modo sbarazzino lontano dall’Italia. Perdere senza rischiare equivale a una doppia sconfitta, rischiare non perdendo un doppio colpo all’autostima.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!