Pescatore: “Voglio dare di più al Sant’Agnello”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Pescatore, ultimo a destra, vuole far bene in Eccellenza

Sant’Agnello – Dopo un campionato di promozione intravisto da lontano a causa di un infortunio ai legamenti che lo ha tenuto fuori per quasi tutta la stagione, Guglielmo Pescatore è quasi al 100% e vuole offrire il proprio contributo alla causa santanellese. Il secondo tempo con la Libertas Stabia è un punto di partenza per il centrocampista, anche se per la squadra è arrivata una sconfitta bruciante: «Abbiamo fatto un ottimo primo tempo soprattutto per quanto riguarda le ripartenze. Poi purtroppo abbiamo pagato la mancanza di esperienza».
La voglia di prendersi un posto importante nella compagine allenata da Guarracino è forte: «Nonostante sia molto giovane sono tra i più anziani della squadra e voglio recuperare la condizione fisica e dare qualcosa in più alla mia squadra».
Nelle prime due gare di campionato 0 punti anche se le prestazioni hanno regalato buoni segnali allo staff tecnico della società: «Si tratta di un campionato difficile – continua Pescatore – ma sono sicuro che faremo molti punti, dobbiamo solo sbloccarci e succederà una volta arrivata la prima vittoria. Abbiamo un giusto mix per questa categoria, abbiamo under di livello ma nelle zone importanti del campo c’è bisogno di esperienza».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!