Aiello carica il Massa: “Con l’Atri guai a cali di concentrazione”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Staffetta no grazie. Voglio mettere in difficoltà il mister” ha dichiarato bomber Pasquale Aiello (foto Pollio)

Massa Lubrense – Vincere fa sempre bene e dare continuità ai risultati anche in avvio consente alla giovane truppa massese di lavorare con maggiore serenità.
Intascare tre punti contro la Virtus Scafatese non era cosa scontata, ma i nero azzurri ci sono riusciti con merito.
“Noi abbiamo fatto la nostra partita contro una squadra importante – commenta l’attaccante Pasquale Aiello -. Quando abbiamo subito c’è stata un po’ di ansia da risultato. Il Picciola è già alle spalle”.
La vittoria è frutto di un intenso lavoro che è iniziato in estate. Società, allenatore e team tutto rinnovato, un entusiasmo particolare che ha portato i primi frutti.
“Abbiamo lavorato, lavoriamo bene, questo è certo – spiega il bomber -. C’è un ottimo gruppo e vogliamo proseguire su questa strada”.

“Concentrazione massima con l’Atri” tuona l’attaccante carottese (foto Pollio)

Massa in testa alla classifica dopo due giornate quando nessuno ci avrebbe scommesso.
“Non ci montiamo la testa. Stare lì è bello, ma di certo non ce lo aspettavamo”.
Al momento Gargiulo ha studiato una sorta di staffetta tra Marino e Aiello, il bomber glissa e spera di conquistare un posto da titolare.
“Staffetta? No grazie. Spero che l’allenatore conti su di me anche dal primo minuto sono pronto”.
Le difficoltà saranno tante a partire dal prossimo impegno con l’Atri. Lo scorso anno una dura sconfitta costrinse i nero azzurri ai play-out, quest’anno l’andazzo sembra differente e si spera che anche il risultato possa sorridere ai massesi.
“I nostri avversari non meritano la posizione in classifica anche se hanno modificato i pini in corso d’opera – ammette Aiello -. Non possiamo permetterci cali di concentrazione perché siamo giovani e dovremo lottare con tutti sino alla fine per far punti”.
Un girone che al momento non ha visto pareggi nelle sfide. Si potrebbe già parlare di graduatoria spaccata in due.
“Che la classifica si spacchi questo è certo, ma adesso è troppo presto – conclude l’attaccante -. C’è spazio per recuperare per tutti, mentre noi dobbiamo guardarci alle spalle e continuare a lavorare”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!