Tris del Massa, Virtus Scafatese al tappeto

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Devastante Marcello Cacace che ha trascinato i suoi al successo

Massa Lubrense – Vince convince e abbraccia il suo pubblico il Massa Lubrense nella prima uscita casalinga della stagione. C’era tanto timore per l’avversario, la Virtus Scafatese, che lo scorso anno ribaltò il parziale del primo tempo ed è una delle candidate al vertice della categoria.
I 90 minuti di gioco hanno dimostrato che il lavoro impostato dai nero azzurri è quello giusto. Squadra quadrata il Massa che concede poco agli avversari, azzarda pressione sugli esterni e costringe la Virtus ad affidarsi spesso al lancio lungo.
Inizio folgorante. In venti minuti i costieri hanno già provato le qualità di Gallo.
De Stefano, Marino finalizzano, ma non trovano lo specchio. I giallo blu arrancano, subiscono e barcollano. Quando dopo il quarto d’ora Marino mette dentro un assist al bacio di Marcello Cacace, gli scafatesi sono un puglie sull’orlo del ko.
Carotta piazza Memoli come battitore libero per evitare il tracollo. Il Massa non affonda gestisce e a sua volta arretra cercando di stanare Balzano e compagni.

Due gare e due reti per bomber Marino (foto Pollio)

La precisione non è nel dna dei canarini e all’intervallo i nero azzurri sono avanti con il minimo scarto.
Parola d’ordine chiudere e ripartire. In sintesi il discorso di Gargiulo ai suoi negli spogliatoi.
La Virtus parte a spron battuto cerca il pari. Spinge tanto sugli esterni dove Ferrentino mette alle strette Cantilena.
Balzano e Cirillo impattano male e sprecano di testa. Due contatti dubbi fanno sobbalzare in panchina Carotta, ma quando il mister decide di tentare il tutto per tutto giunge la punizione finale.
negli spazi Marcello Cacace, Volpe e Aiello vanno a nozze. Il neo entrato, al posto di Marino, va in goal al terzo tentativo.
Il numero dieci peninsulare serve in verticale Volpe che salta l’uomo, ma la sua conclusione centra il palo, Aiello ha seguito l’azione e il tap-in è pura formalità.
2-0 partita in ghiaccio e pubblico che distribuisce applausi a iosa. Il furetto dalle scarpe arancio, Volpe, vuole ancora emozionare. Cappiello aspetta il suo inserimento e taglia come il burro la retroguardia scafatese, controllo e destro che lascia di stucco Gallo per l’apoteosi massese.

Massa Lubrense – Virtus Scafatese 3-0
Massalubrense: Fiorentino 6, Cantilena 6, D’Esposito 6.5, Cuomo 6, De Luca 6.5, Cappiello 7, De Stefano 6, Cestaro 6, Marino 6.5 (30st Aiello 6.5), Cacace M 7 (45’st Zapparella sv), Volpe 7. A disposizione: Stinga, Siniscalchi, Balduccelli, Cacace G, De Maio. Allenatore: Gargiulo 6.5
Scafatese: Gallo 6, Avino 5.5, Mastellone 5 (39’st Rumiero sv), Memoli 5.5, Carillo 5.5 (36’st Aquino sv), Cirillo 5.5, Natino 5, D’Amore 5, Balzano 5.5, Malafronte 5 (15’st Giorgio 5.5), Ferrentino 5.5. A disposizione: Severino, Colantuono, Fariello, Iovino. Allenatore: Carotta 5.
Arbitro: Monda di Napoli
Marcatori: 17’pt Marino (M), 41’st Aiello (M), 44’st Volpe (M)
Note: spettatori 100 circa. Ammoniti: Fiorentino, Cantilena, Gallo, Malafronte, Cirillo, De Luca. Espulso: Ferrentino. Angoli: 2-9. Recupero: 1’pt, 4’st 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!