Guarracino allontana le nubi: “Sant’Agnello work in progress”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Agnello – La sfida con la Libertas Stabia della prossima giornata di campionato non rappresenta una particolare preoccupazione per mister Antonio Guarracino, che predica calma in vista della sfida dopo la sconfitta in coppa Campania e l’esordio negativo in campionato con il Massa: «Nessun problema, siamo work in progress, non ci dobbiamo nè deprimere nè esaltare, dobbiamo procedere per tappe, se verrà il risultato bene altrimenti non fa nulla».
L’obiettivo della squadra, comunque, rimane la permanenza in Eccellenza. «Noi ci dobbiamo salvare, non abbasseremo mai la guardia comunque, dobbiamo giocare al pallone con dignità, con una certa idea e senza promettere niente, ho 30 ragazzi che alternerò ogni domenica e per e è già importante avere 15 ragazzi della penisola tra di loro».
I segnali inviati dal giovane allenatore sono chiari: «L’imperativo, certo è cercare di mantenere la categoria cercando di crescere pian piano senza prestare il fianco a nessuno».
Guarracino ha avuto modo di conoscere bene il prossimo avversario, la Libertas, ed il suo allenatore: «Ho visto la Libertas in coppa, hanno ottimi giocatori come Teta, Manzi, Di Ruocco, tutti ex Sorrento, quotati. Rispetto allo scorso anno in cui erano partiti per vincere si sono ridimensionati ma io credo che siano molto competitivi, hanno un buon allenatore, mio coetaneo, e dobbiamo prenderli con le molle».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!