Massa: Pareggio a reti bianche col Picciola che passa il turno

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – Pareggio a reti bianche e Picciola che approda al secondo turno. In sintesi Massa Lubrense – Picciola. La compagine costiera aveva come obiettivo unico la vittoria per accedere alla fase ad eliminazione diretta, ma sbaglia l’impatto col match e lascia spazio ai salernitani.
I bianco rossi di Lerro sono stati cinici e spietati. Ben messi in campo hanno retto senza patemi la forza d’urto massese e cercato di colpire in contropiede. Compagine esperta con Vaccaro a fare da punto di riferimento costante per tutto l’arco della sfida.
Il quadro tattico è chiaro sin dall’inizio, Massa a fare la partita, Picciola pronto alla ripartenza. Balduccelli e Aiello hanno una chance ciascuno, ma vengono chiusi dalla difesa ospite. Con gli spazi limitati servirebbe un episodio a spezzare l’equilibrio del match. D’Esposito ci prova su punizione, ma Guarnaccio è attento e sventa in corner.
Nella ripresa diviene ancora più pasticcione il Massa. Spesso palla lunga, ma senza costrutto. Le uniche iniziative si hanno quando si accendono Volpe e Marcello Cacace che conquistano punizioni e gialli, ma sui cross non c’è nulla da fare la testa di qualche compagno non sbuca dalla mischia e l’estremo difensore non si sporca i guantoni.

Stinga si distende e para il rigore a Vaccaro

Le migliori occasioni sono per i bianco rossi. Sabatino V chiama alla prodigiosa parata Stinga che vola all’incrocio per neutralizzare la punizione dal limite, poi Vaccaro si fa parare il penalty, conquistato da Iuorio, dal pipelet costiero.
L’assalto all’arma bianca nel finale provoca anche le proteste per un goal fantasma. Su angolo battuto da Marcello Cacace, D’Esposito va di testa, la palla supera la linea di porta, ma né arbitro, né assistente vedono il goal e alla fine lo 0-0 di partenza non si schioda.

Massa Lubrense – Picciola 0-0
Massa Lubrense: Stinga, Zapparella (15’st Volpe), D’Esposito, Cacace G, Gargiulo R (6’st Mastellone), Siniscalchi, Marcia (1’st De Maio), Cappiello, Aiello, Cacace M, Balduccelli. A disposizione: Alfano, Cuomo, Palomba, Cantilena.
Allenatore: Gargiulo L
Picciola: Guarnaccio, Siano, Liguori, Esposito, Carbone, Bevilacqua, Basile (6’st Moretti), Magliano (17’pt  Cesaro), Iuorio (40’st Mogavero), Sabatino V, Vaccaro. A disposizione: Simaldone,  Sabatino A, Ciliberti.
Allenatore: Lerro
Arbitro: Castellone di Napoli
Note: spettatori 50 circa. Ammoniti: D’Esposito, Mastellone, Balduccelli, Volpe, Liguori, Siano,Basile, Bevilacqua. Al 30’st Stinga para un calcio di rigore a Vaccaro.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!