Italian Radical Trophy: Bruccoleri in pole a Vallelunga

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ancora una pole per Luigi Bruccoleri

Vallelunga  – Nuovo appuntamento per l’Italian Radical trophy organizzato dall’Autosport Sorrento. Sul circuito romano di Vallelunga a dettare legge nelle prove libere e in quelle cronometrate il capolista del campionato Luigi Bruccoleri.
L’agrigentino non vuole sorprese e punta alla doppia vittoria per mettere al sicuro il suo titolo bissando quello della scorsa stagione.
Nelle prove del sabato pomeriggio Bruccoleri,  al volante della sua SR4 1600, ha fatto registrare un crono di 1’38,044 precedendo di circa mezzo secondo il sorrentino Michele Esposito che è tornato a correre nel trofeo dopo la brillante esperienza nel Campionato Italiano Prototipi di circa due mesi fa nell’impianto umbro di Magione.
Il pilota costiero guida una vettura laboratorio in vista della prossima stagione.
La seconda fila rappresenta la vera sorpresa della gara capitolina, in quanto in terza posizione troviamo Christian Merli al “debutto” in pista, e che ha accusato un distacco di poco più di un secondo dal leader Luigi Bruccoleri.
A poco più di un decimo troviamo l’altra sorpresa del giorno, ossia il romano Danilo Bernardini, e se si tiene conto che sia Christian che Danilo hanno conosciuto le loro vetture solo ieri nelle prove libere, per di più bagnate, si capisce che i due drivers hanno subito trovato un ottimo feeling con la barchetta costruita oltremanica.
Terza fila per Simone Laureti e Luigi Vinaccia in lotta oltre che in gara anche per la seconda posizione in campionato, nel quale il romano Laureti nutre un vantaggio di due punti sul pilota di Massa Lubrense.
Settima posizione, e leadership della classe OPEN,  per il sorrentino Salvatore Venanzio, seguito dal piemontese Daniele Barge come sempre al volante della sua SR3 nella classica livrea gialla, iscritta nella classe OPEN.
Quinta fila per Daniele Vanacore al volante della sua SR3 di derivazione stradale, che precede il poleman della classe 1300, il sedicenne Francesco Celentano.
A seguire troviamo Cataldo Esposito (SR41600) Silvio Esposito (Prosport 1300) il debuttante Giuseppe Marech (SR4 1300) e il “comandante” Aniello Mastellone che per non mancare alla gara ha affrontato un viaggio di oltre dieci ore, e pur non avendo disputato le prove libere, si è schierato subito nelle prove ufficiali al volante della sua SR4 iscritta nella classe OPEN.
L’Italian Radical trophy sarà trasmesso in diretta da Nuvolari domani. La prima manche andrà in onda alle ore 11, mentre orario fissato per le 17 per gara 2.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!