Per Bucaro il “regalo” Zanetti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

E’ impiegabile Paolo Zanetti che ha scontato i due turni di squalifica

Non è ancora natale, fuori tempo, ma felice Bucaro trova sotto l’albero un bel regalo: Zanetti. Un sollievo? Forse. Beati nelle uscite in cui ha sopperito alla mancanza dell’ex Torino non ha demeritato, ma a Pagani ha steccato. Ci sarà il cambio di interpreti nel modulo bucariano? Probabilmente si.
Il centrocampista veneto è sceso in campo una sola in questa stagione, nella notte dai due volti di La Spezia. La causa? Le squalifiche. Due in campionato e una contro il Treviso in Tim cup.
Si potrebbe rinascere a nuova vita con il suo innesto. Un campionato diverso con la forza muscolare e le geometrie e le soluzioni che Zanetti offre.
Nella torrida estate dei mille e più trasferimenti, Avallone e Bucaro lo avevano indicato come uno degli over da cui ripartire per mantenere la categoria. Un’unione d’intenti. Zanetti ha voluto Sorrento e i rossoneri hanno gradito la sua disponibilità a restare in costiera.
A gennaio 2012 si doveva sopperire alla partenza di Tognozzi e il ds scelse il centrale dal Grosseto. La squadra cambiò volto. Bucaro si aspetta che possa essere così anche in questa difficile annata.
Esperienza, tempi di gioco ed equilibrio per un team, quello costiero, che dovrà cercare in tutti i modi di puntare ai tre punti contro la Carrarese.
Il gioco veloce e di scambi voluto dall’allenatore ex Avellino è imperniato su un centrocampista metodico che sappia alternarne con costrutto il fraseggio breve al lancio millimetrico, caratteristiche che il ragazzo di Valdagno ha nel suo dna.
Intanto in allenamento il regista non si risparmia. Corre tanto, parla poco, aiuta tanti. Un leader sul quale tutti contano per consentire al team costiero di reggere l’impatto contro tanti squadroni per mantenere la categoria dopo gli sforzi dell’estate.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!