Mastellone: “Il Sorrento ha bisogno dei propri tifosi”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il vice presidente Mastellone tra Ciampi e Polizzi fa il punto della situazione sulla campagna abbonamenti

Sorrento . Dopo l’ottimo esordio in campionato contro il Gubbio, a Pagani è giunto il primo ko della stagione con la Paganese di mister Grassadonia. Una partita intensa come un derby sa essere che si spera non spenga gli entusiasmi in casa Sorrento.
Una campagna acquisti che durerà ancora sino a sabato 15 settembre e che la dirigenza costiera spera possa migliorare i propri riscontri prima della serrata. Non c’è un obiettivo dichiarato. Migliorare quanto fatto lo scorso anno sembra difficile, ma si confida in qualche cosa di meglio rispetto alle tessere già sottoscritte.
“Al momento siamo a 100 tessere, ma sembra che il grande sacrificio fatto in estate non è stato compreso a pieno da parte della tifoseria – commenta il vice presidente Mastellone -. Il calcio è partecipazione, anche minima, di tutti e non può reggersi solo sulle spalle di pochi eroi”.
Il responsabile dell’area comunicazione e marketing del sodalizio di via Califano analizza i perché di una situazione così deficitaria.
“Come società abbiamo la coscienza tranquilla. È stato fatto il massimo in base alle nostre forze e cercato di agevolare in tutti i modi i tifosi che avessero intenzione di fare l’abbonamento – spiega il dirigente costiero -. Fidelizzarsi solo quando scendono in campo gli squadroni è più facile. C’è stato tanto interesse per conoscere la soluzione della questione campo e societaria, dopo il nulla. Ringrazio molto i soliti tifosi e quelli che hanno ritenuto di fare la tessera”.
Consentire a Sorrento e al Sorrento calcio di vivere nel professionismo del pallone sembra un lusso, ma i vantaggi che si possono trarre sono comunque molteplici, ma tutti non lo hanno capito.
“La città e’ assente, e’ ferma. Sembra quasi che il calcio professionistico dia fastidio – tuona Mastellone -. Calcio & Turismo può essere un binomio interessante da sviluppare con apposita programmazione. Quando avremo la struttura stadio adeguata allo standard della città, e l’avremo, le partite potranno essere anche internazionali, come l’impegno dell’under 19 a Cava de’ Tirreni,  e potranno essere affiancate da Incoming Partners a visite turistiche alla città, ad appuntamenti culturali, enogastronomici e di shopping”.
Di appelli ne ha già lanciati molti il dirigente costiero che prova a scuotere le coscienze dei sorrentini con un invito.
“C’è una squadra costruita con criterio. Un buon mix guidato da un ottimo allenatore – conclude il vice presidente -. Venite allo stadio, appassionatevi la squadra ha bisogno dei propri tifosi”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!