Positano ko con lo Stasia. Cuomo:”Giocato male”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Mister Cuomo non cerca scuse: “Abbiamo giocato male”

Inizia con il piede sbagliato la coppa Campania del Positano di mister Cuomo. I giallorossi arruffoni e a tratti presuntuosi cedono per 2-0 allo Stasia. I napoletani sono stati cinici e spietati. Due errori e due reti. Tanto agonismo, ma di gioco poco, anzi pochissimo.
“Avevo chiesto personalità alla squadra, ma non ho visto neppure l’ombra. Avevo chiesto gioco e ho visto egoismo così no va”. Un’analisi secca e spietata dell’allenatore Federico Cuomo rispecchia la sua squadra.
“Una partita davvero brutta da ambo le parti – spiega il trainer costiero -. Due incertezze ci sono costate la partita e forse anche la qualificazione. Si lavorerà per migliorare ancora sotto il profilo del gioco. Il campionato incombe”.
Sul futuro nella competizione regionale il trainer giallo rosso è conscio delle difficoltà future.
“Il passaggio del turno è pura utopia ora – conclude Cuomo -. Ci sarà tanto turn over per dare spazio anche agli altri elementi della rosa e valutare tutti in vista dell’esordio in campionato”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!