Grassadonia: Trasformare la rabbia in energia”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Gianluca Grassadonia (Foto tratta da Paganese.net)

La sconfitta di Viareggio non è andata giù per primo a lui. Gianluca Grassadonia ha bacchettato i suoi ragazzi all’indomani della debacle del “Bresciani”, col quale gli azzurrostellati hanno aperto il loro campionato. Un 2-1 senza appello, che ha fatto storcere il naso a molti non tanto per il risultato quanto per come è maturato. Squadra in partita per 20′, poi ha subito le iniziative, a tratti inarrestabili, dei ragazzi terribili di mister Stefano Cuoghi. Grassadonia, questa mattina in conferenza stampa, ha spiegato quale è stato il turning point della gara: “Eravamo partiti bene – ha esordito il mister – mettendo sul campo quello che avevamo preparato durante la settimana. Disposti in maniera corta, eravamo compatti, poi però ci siamo allungati, sono venute meno le energie fisiche, dovevamo fare qualcosina in più, ma non l’abbiamo fatto. Siamo arrabbiati, dispiace a tutti come è andata la partita, a me per primo. Però dobbiamo trasformare questa rabbia in energia positiva in vista del Sorrento. Siamo stati presuntuosi, io su tutti”. Quando dice così, si riferisce agli accorgimenti tattici che potevano esserci ed invece non ci sono stati. “Per un pizzico di presunzione non ho voluto cambiare nulla – ha continuato il tecnico – nè tantomeno il modulo tattico perchè ho fiducia in questo schieramento. Potevamo cambiare in corsa questo sì”. Sulle scelte iniziali, invece, nessun dubbio. Grassadonia manderebbe in campo la stessa formazione, “perchè questo undici ha lavorato benissimo in ritiro ed ho preferito dare spazio a chi ha lavorato meglio. Posso assicurare che si tratta di una scelta ben ponderata”. Non ha convinto neppure la decisione di spedire Caturano in tribuna, ma il trainer salernitano spegne un presunto caso legato all’attaccante partenopeo. “Ho a disposizione quattro attaccanti più Tortori. Per forza di cose devo mandarne uno a partita in tribuna: sarà sempre così”. E’ vero che non si è cominciati col piede giusto, ma Grassadonia non ne fa un dramma. “Siamo appena all’inizio del campioanto e la strada è ancora lunga. Dobbiamo lavorare tanto, guai se non fosse così. Dobbiamo fare tesoro della sconfitta di Viareggio, perchè dobbiamo comprendere che questo campionato non è semplice. Affronteremo tante altre compagini che come il Viareggio fanno del dinamismo e della velocità il loro punto di forza”. L’allenatore della Paganese sta immaginando qualche variazione tattica per la gara contro i costieri. “Ripartiamo dalle cose buone della prima parte di gara – ha dichiarato – e impareremo a stare su nei momenti di difficoltà. Dal punto di vista tattico sarà una gara completamente diversa perchè il Sorrento, rispetto al Viareggio, adotta il 4-3-3 ed in questa settimana stiamo cercando di capire dove possiamo farli male”.

Danilo Sorrentino – www.paganese.net

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!