Corsetti: “Peccato per il palo, vogliamo fare bene”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Benissimo Corsetti, il palo ferma la sua voglia (foto Penna)

Sorrento – Peccato. Per quel tiro insidioso che Corsetti, riscopertosi bomber nell’ultima parte dello scorso anno e nel precampionato, ha spedito dritto sul palo dalla distanza. Un tiro che poteva significare tre punti ma che non offusca la bella prima del Sorrento di Bucaro.
L’esterno rossonero ha analizzato la gara: «E’ mancato solo il gol ma abbiamo dato l’anima, abbiamo dimostrato di essere una squadra che può stare in questo campionato, a noi stessi e a chi ha costruito il gruppo. I giovani sono validi e noi dobbiamo amalgamare la squadra, dobbiamo pensare a correre. Giocare a Sorrento è importante».
Primi minuti di studio per i rossoneri che dopo aver rischiato qualcosina hanno sfiorato più volte il gol con Zantu e proprio con Corsetti, mentre nel secondo tempo si è visto un vero e proprio assedio alla porta eugubina. «All’inizio abbiamo avuto qualche problema , poi ci siamo sciolti, siamo sereni, lo eravamo anche prima della gara, il progetto è impostato sui giovani e loro hanno fatto bene. Il Gubbio ci ha infastidito, sono molto fisici e ben messi in campo, noi vogliamo inserirci nella lotta al campionato». Sul fuorigioco che annullato la rete dell’ 1-0 proprio sul suo tiro Corsetti è onesto e sicuro: «Il fuorigioco c’era, peccato per il palo».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!