Morciano verso Misano: archiviate Indianapolis e Brno

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Meta di Sorrento – Due settimane di fuoco quelle dei Gp di Indianapolis e Brno, ultimi due appuntamenti del mondiale per Gigio Morciano, che ha commentato le due gare con noi. Una sorpresa, in queste ultime competizioni, sul podio: Jonas Folger, ex compagno di squadra del pilota residente a Meta passato al Team Mapfre con la Ktm, ha conquistato, dopo aver lottato per tutto l’anno per restare in pista in sella alla Ioda, senza peraltro riuscirci spesso, un terzo posto e la vittoria sotto la pioggia in Repubblica Ceca: «Serve a poco commentare – dice Gigio -, Folger alla Ioda ha conquistato 5 punti a Le Mans dove sono arrivati solo in dodici, ma ha quasi sempre rotto seppur non sia partito mai dai box prima di cambiare moto e team. E’ un buon pilota bravissimo sull’acqua ma non l’avevo mai visto fare queste cose».
Indianapolis ha rappresentato un crocevia del campionato dell’anziate; una nuova soluzione tecnica soddisfacente seppure le condizioni dell’asfalto non siano state le migliori come testimoniano le numerosissime cadute e purtroppo i numerosi infortuni nelle tre categorie del motomondiale: «Avevamo montato un nuovo motore, molto buono, vicino alle prestazioni delle Honda, mi sono applicato tanto e andavo forte, sui tempi dei primi. Sono partito dai box dieci secondi dopo l’ultimo della griglia ma dopo 8 giri ero già diciottesimo. Poi il motore è scoppiato. L’asfalto non era ottimo – continua Morciano – , appena riscaldava un po’ si formava una patina che dava l’impressione di attaccarsi alla gomma e non permetteva di curvare facilmente considerato che la moto scivolava molto dietro».
Dopo la pista a stelle strisce le fatiche ceche, prima di tornare in Italia, a Misano, dove il 16 settembre ci sarà il secondo appuntamento della stagione in territorio italiano: «A Brno la gara è stata tutta in salita – conclude Morciano -, è stato faticoso, stiamo cercando di lavorare per migliorare. A Misano attendo qualche novità ma aspetto di provarle per giudicare».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!