Team ciclismo sorrentino: Una settimana di allenamento in altura

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Si è conclusa con la scalata del Block Haus a 2066 metri sul livello del mare la settimana di preparazione degli atleti costieri del Team ciclismo sorrentino. Mario Astarita, Franco Massa, Gaspare Cappiello, Raffaele Cinque e il team manager Stefano Pecchia in una full immersion a tutto ciclismo hanno domato vette storiche del ciclismo nazionale.
Venerdì 17 agosto dopo un buon riscaldamento è partita l’ascesa alla vetta della del Block Haus dal versante più ostico quello che passa attraverso il comune di RoccaMorice.
Al chilometro 20 la strada si restringe, l’asfalto diviene rovente e si percorre la salita in compagnia di una natura primitiva: falchi, aquile e qualche gregge. Dopo altri cinque chilometri una fonte d’acqua gelata consente refrigerio e rifornimento agli atleti. Negli ultimi 7 chilometri verso la vetta la fatica è fedele compagna dei ciclisti costieri.
La veduta che offre la montagna una volta giunti in vetta ripaga la fatica fatta per domare l’erta.
La coppia Cinque-Cappiello decide, non sazia, di ripercorrere la salita, ma dal versante di Passo Lanciano.
I due salgono di comune accordo ad andatura sostenuta per quelle che sono le restanti energie sino a ricongiungersi con il resto della truppa.
La giornata di conclude al rifugio Mamma Rosa dove la compagnia si rifocilla grazie a carni, formaggi, salumi e vino abruzzese abruzzesi al termine di una settimana da incorniciare all’insegna della montagna e dell’amicizia.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!