Bucaro:”Bene Zantu, ma al Sorrento serve un attaccante”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Chiede rinforzi mister Giovanni Bucaro (foto Pollio)

Un mix tra calciatori in prova e atleti sotto contratto che ha dato tutto pur di mettersi in mostra e riuscire a convincere il tecnico a farli strappare un contratto anche per questa stagione.
Un buon calcio quello praticato dal team peninsulare. Pratico, spiccio, insomma senza tanti fronzoli. Si è badato al sodo. Potrebbe essere questo il leit-motiv del campionato che si aprirà il 2 settembre.
“I nuovi si sono mossi bene. Tutti hanno fatto la propria parte da Zantu ad Alessio Esposito”
Una rosa ancora incompleta che attende rinforzi dagli ultimi giorni di mercato.
“Manca un attaccante”. Bucaro è pronto a mettere i puntini sulle i. “La squadra è da completare. Avallone sta monitorando attentamente gli under per chiudere le prime operazioni del Sorrento della nuova stagione”.
La situazione è delicata. Si procede con i piedi di piombo. Ogni ingresso e uscita saranno valutati attentamente per non incidere sul budget.
“Confido che qualche cosa dal mercato possa arrivare e si riesca a inserire qualche giovane in organico perché servono – conclude Bucaro -. Anche la formula non mi entusiasma. Si danno false illusioni a dei ragazzi che una volta terminato il periodo “under” rischiano di restare senza squadra”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!